Ultimora: i vaccini passeranno da 12 a 10

L’obbligo di fare 12 vaccini imposto dal ministro Lorenzin per iscriversi a scuola non è piaciuto a nessuno. L’ intera cittadinanza italiana ha protestato e diversi gruppi politici hanno inondato di emendamenti, ben 285, l’aula del Parlamento. Il primo di questi emendamenti è passato e adesso sarà discusso alla Camera. La notizia è stata battuta dall’ANSA ieri in un articolo in cui è riassunto il contenuto della proposta della presidente della commissione Sanità, Emilia Grazia De Biasi.

Il contenuto

Riduzione dei vaccini da 12 a 10, alleggerimento del concetto di ‘obbligatorietà’, revisione triennale e diminuzione delle multe a carico dei genitori. Prevista inoltre l’eliminazione del provvedimento di sottrazione della patria potestà a carico degli inadempienti. I due vaccini dell’ antimeningite B e C tornerebbero ad essere solo ‘raccomandati’ . Per quattro di questi vaccini dopo 3 anni se ne potrebbe sospendere la somministrazione. Si tratta dell’anti-morbillo, dell’anti-rosolia, dell’anti-parotite e dell’ anti-varicella”. Questo in sintesi il testo dell’emendamento discusso in commissione Sanità del Senato. La presentazione è avvenuta ad opera della relatrice Patrizia Manassero.

Potrebbe interessarti:  Nuova plenaria per i diplomati magistrali

Verso le modifiche al decreto Lorenzin

La votazione all’emendamento De Biasi avverrà martedì prossimo. Sul testo ci sono già tantissimi consensi trasversali, provenienti cioè da maggioranza e opposizione. C’è convergenza sul fatto che non ci sia una situazione epidemica che richieda l’obbligatorietà di immunizzazione. Da segnalare anche l’emendamento a firma Pd circa il comma 5 dell’art.1 sul coinvolgimento del tribunale.

Alleggerimento

Si va dunque verso la soppressione delle sanzioni a carico dei genitori che non provvedano alla vaccinazione. Del resto in Commissione sono stati presentati ben 10 ordini del giorno. Tutti convergevano sulla necessità di diminuire le multe ed eliminare il rischio perdita patria potestà. Intanto si apprende che secondo la Corte d’Appello di Salerno non c’è nessun nesso causale tra vaccinazioni e autismo.