Diplomati magistrali in ruolo con riserva

I diplomati magistrali che sono entrati di ruolo grazie all’inserimento in Gae con riserva hanno espresso a più riprese diversi dubbi. Molti si preoccupavano della loro sorte in caso di sentenza di merito negativa. Il timore era quello di essere esclusi anche dalla seconda fascia delle graduatorie di istituto. Di non minore importanza e interesse era la questione del cambio della provincia espressa dai diplomati magistrali. Nell’incontro tenutosi ieri tra i sindacati e il Miur sono giunte importantissime precisazioni da parte della dott.ssa Novelli. Ne da notizia la Gilda nel resoconto della riunione col tema delle anomalie del SIDI.

Permanenza in II fascia

Se si è stati immessi in ruolo a seguito di un accoglimento di ricorso che ha disposto l’inserimento nelle Gae con riserva, nel caso in cui la sentenza di merito che si terrà al Tar dopo la Plenaria dovesse andare male non ci saranno conseguenze negative per la seconda fascia. In quel caso cioè i docenti verranno rimessi in seconda o terza fascia della stessa classe di concorso. Verrebbero anche riaperti i termini per la compilazione del modello B per la scelta delle scuole. Chi avesse fatto la domanda come nuova inclusione sarebbe bloccato al momento della compilazione del modello B.

Potrebbe interessarti:  Formazione docenti, ATA ed educatori, notizie 16/11: esito incontro al Miur

Ritorno domanda a provincia precedente

Il chiarimento per chi ha fatto domanda in una scuola di provincia diversa riguarda la parte della scelta delle scuole. Chi per errore avesse espresso la preferenza per una provincia diversa da quella del precedente triennio non potrà compilare il modello B che sarà disponibile dal 14 luglio. La questione verrà risolta dalla scuola capofila che ha ricevuto la domanda. Questa la girerà alla scuola capofila del precedente triennio.

Contatti per altre anomalie

Nel resoconto offerto dalla Gilda viene anche indicato a chi rivolgersi in caso di altre difficoltà. Il Miur ha indicato l’indirizzo di posta elettronica dove inviare le segnalazioni avvertendo che va messo il codice fiscale dell’interessato. L’indirizzo email è dgcasis.ufficio3@istruzione.it