Tar Latina accoglie nel merito e inserisce a pieno titolo in Gae

C’è un Tar che sospende il giudizio sui ricorsi dei diplomati magistrali in attesa della Plenaria ed un Tar che invece accoglie nel merito un ricorso di una di loro decretandone l’inserimento a pieno titolo nelle Gae. La sentenza di merito che ha già fatto il giro di tutta Italia via web fa esplodere di gioia tutti coloro che hanno i ricorsi ancora pendenti presso il Tar Lazio. E per fortuna che l’orientamento giurisprudenziale non è ancora uniforme, altrimenti il Miur sarebbe uscito con le ossa rotte dalla condanna alle spese.

La sentenza del Tar Latina

Il Tar Latina ha rigettato una per una tutte le obiezioni dell’Avvocatura di Stato che chiedeva la reiezione del ricorso. La sentenza recita testualmente che ” Deve, innanzitutto, essere respinta l’eccezione d’irricevibilità del ricorso per tardività, tenuto conto che il d.m. 16 marzo 2007 non costituisce oggetto del presente ricorso, non essendo stato impugnato dalla deducente. Analogamente, dev’ essere respinta l’ulteriore eccezione relativa all’ asserita carenza di interesse ad impugnare il decreto ministeriale 495/16, dovendosi ritenere che l’interesse preminente della sig.ra Sarah Ingellis va individuato nel superamento della preclusione prevista dal decreto oggetto di gravame, con conseguente inserimento della stessa in graduatoria. Deve, del pari, essere respinta l’eccezione inerente al precedente giudicato del giudice ordinario, per la semplice ragione che l’interessata non ha intentato alcun ricorso dinanzi a quel giudice. Tutte le predette eccezioni devono essere, perciò, respinte.”

Fondatezza del ricorso

Il Tar Latina si è allineato alla sentenza del Consiglio di Stato del 2014, quella che decretò il valore abilitante del titolo di diploma magistrale e annullò per l’effetto il decreto 234/2014 che impediva l’accesso alle Gae dei diplomati magistrali. Analizzando il ricorso dell’interessata viene ribadito che i diplomati magistrali con il titolo conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002, al momento della trasformazione delle graduatorie da permanenti ad esaurimento, erano già in possesso del titolo abilitante. Con ciò viene a cadere ogni dubbio circa il fatto che, a parità di titolo, tutti i diplomati magistrali hanno il diritto all’inserimento in Gae.

Potrebbe interessarti:  Il funzionamento delle nuove graduatorie di merito regionali

C’è ancora tempo

Chi non ha ancora proposto un ricorso ha a disposizione ancora 4 giorni di tempo. E’ possibile aderire al ricorso collettivo al Tar contro il decreto 400/2017.