Docenti, passaggio da ambito a scuola 2017/2018: la procedura operativa e tempistica
Docenti, passaggio da ambito a scuola 2017/2018: la procedura operativa e tempistica

Il passaggio da ambito a scuola 2017/2018 è regolato dall’Ipotesi di CCNI sottoscritta il giorno 11 aprile 2017 fra Miur e sindacati. Le scuole individuano i docenti con titoli ed esperienze professionali coerenti con il PTOF e con il Piano di Miglioramento, per mezzo della delibera del Collegio dei docenti per l’individuazione dei requisiti (nota 16977 del 19/4/17). I docenti interessati sono quelli che, all’esito delle operazioni di mobilità, risultano assegnati ad un ambito territoriale e devono attivare la procedura di passaggio su scuola, ove riceveranno un incarico triennale. Successivamente la procedura verrà utilizzata per formalizzare l’incarico delle nuove immissioni in ruolo. La fase propedeutica di pubblicazione degli avvisi da parte delle scuole, è già terminata per gli Istituti di 1° ciclo e si concluderà entro il giorno 8 luglio per la secondaria di 2° grado. Vediamo i vari ruoli, come sintetizzati nella scheda della FLC CGIL.

Passaggio da ambito a scuola docenti 2017/18: chi fa e cosa fa

Le persone coinvolte nel passaggio da ambito a scuola 2017/18 dei docenti sono:
IL DIRIGENTE SCOLASTICO
•Pubblica (o aggiorna) sul sito della scuola un avviso contenente i posti vacanti e i requisiti (massimo 6) oggetto di delibera, per ogni tipologia di posto e classe di concorso. Rende noti anche i criteri oggettivi in caso di comparazione delle candidature e le modalità di contatto.
•Esamina le domande pervenute e la corrispondenza delle dichiarazioni con quanto deliberato dal collegio dei docenti. Non è previsto il ricorso al colloquio o altre prove similari.
•Formalizza la proposta di incarico al docente e, ottenuta risposta positiva, inserisce l’accettazione nella apposita funzione SIDI. Le operazioni dovranno concludersi:
-tra l’8 luglio e il 15 luglio (infanzia e primaria, scuola secondaria di primo grado)
-tra il 24 luglio e il 29 luglio (scuola secondaria di secondo grado).
IL DOCENTE
•Accede a istanze online e compila la sezione dedicata alla gestione delle competenze (requisiti), indicando anche il codice e la denominazione della scuola di partenza per le eventuali operazioni dell’ufficio scolastico territoriale.
•Carica il curriculum vitae nell’apposito spazio, in formato PDF (dimensione max 1 MB)
•Invia e-mail di autocandidatura alle scuole, secondo i tempie le modalità stabiliti negli avvisi.
•Le suddette operazioni andranno effettuate dopo gli esiti della mobilità di riferimento:
-tra il 3 luglio e il 7 luglio (infanzia e primaria, scuola secondaria di primo grado)
-tra il 20 luglio e il 22 luglio (scuola secondaria di secondo grado).
•Sceglie una tra le eventuali proposte e ne sottoscrive l’incarico.
UFFICI SCOLASTICI TERRITORIALI
•Prima della fase di individuazione da parte delle scuole, l’UST provvede ad assegnare i docenti trasferiti su ambito beneficiari di precedenza.
•Al termine delle operazioni di competenza dei dirigenti scolastici, si attua da parte dell’UST la procedura surrogatoria sulle sedi rimaste, per i docenti ancora senza incarico:
-dal 17 al 20 luglio (infanzia e primaria, scuola secondaria di 1°grado)
-dal 31 luglio al 1 agosto (scuola secondaria di 2°grado).

Potrebbe interessarti:  ATA, aspiranti con titoli falsi esclusi da graduatorie: la nota di Milano