Stipendio precari in ritardo: una vergogna

I docenti precari stanno vivendo una delle stagioni forse più dure a causa dei ritardi divenuti ormai endemici nel pagamento degli stipendi. La realtà non è solo quella dei 52mila docenti precari che saranno immessi in ruolo a settembre, come annunciato con enfasi inusitata dal ministro Valeria Fedeli. E non può nemmeno consolare il riconoscimento che la stessa fa del lavoro degli insegnanti quando dice che il loro stipendio dovrebbe essere raddoppiato. Il Miur intanto paghi i tre mesi di emolumenti arretrati che deve ai supplenti ormai allo stremo.

La lettera

In redazione è giunta una lettera da parte di una precaria che non riesce più ad andare avanti. Ci scrive la gentile lettrice che “ancora oggi noi precari non abbiamo ricevuto i nostri stipendi e sono ben 3 mesi; il ministero non ha fondi e per noi e le nostre famiglie è diventato faticosissimo andare avanti così. Nessuno parla del nostro disagio e di quello che migliaia di noi vive, a causa di un ministero che non ha fondi per pagarci e poi ne assume 52000 a settembre. Le solite roboanti dichiarazioni di ‘grandeur’ di un Miur che non vuol dire quale sia la realtà della nostra condizione precaria. Siamo stanchi, avviliti e sfiduciati per questo ennesimo ritardo che va avanti dal mese di maggio.

Potrebbe interessarti:  Scuola, precariato docenti e ATA ultime notizie: novità con l'emendamento alla LdB 2019

Una vergogna

Dall’entrata in vigore del DPCM n. 241 del 31 agosto 2016 le cose avrebbero dovuto cambiare. Con esso scattava l’obbligo di pagamento degli stipendi entro al massimo 30 giorni dalla fine del mese in cui si è svolto il servizio.Questo almeno in teoria, perché la realtà dei fatti appena mostrata va ad annullare lo sforzo compiuto dal governo di pagare puntualmente le supplenze. L’unica supposizione possibile è che non ci siano i fondi per il pagamento degli stipendi. All’opinione pubblica si diffondono notizie che tendono a deviare l’attenzione dal vero stato di cose della scuola. Quale sarebbe la reazione delle famiglie degli studenti se sapessero veramente che i supplenti lavorano 11 mesi all’anno e che spesso lo fanno gratis?