Depennamenti da Gae illegittimi

I depennamenti dalle Gae che si sono verificati in una provincia toscana, nella fattispecie quella di Lucca, hanno provocato stupore nella comunità dei diplomati magistrali che attendono ancora la ripresa del contenzioso col Miur. La vicenda è relativa alla cancellazione dal ruolo dei ricorsi per l’inserimento nelle Gae in attesa del pronunciamento della Plenaria. I depennamenti in questione hanno provocato una comprensibile preoccupazione tra gli interessati perché c’è il timore di perdere le supplenze da I fascia di settembre.

La circolare

I candidati riportati nell’ allegata tabella parte integrante del presente provvedimento, sono depennati dalle Graduatorie ad Esaurimento della Scuola primaria e dell’infanzia di questo UST. I Dirigenti Scolastici cancelleranno i candidati di cui al presente provvedimento dalle graduatorie di istituto di 1° fascia laddove inseriti “con ricorso pendente“ – marcato “T”. Agli stessi dati gli interessati o i controinteressati potranno eventualmente accedere secondo le modalità previste dalla normativa sulla trasparenza degli atti amministrativi. Avverso il presente provvedimento, possono essere esperiti i rimedi giurisdizionali ed amministrativi previsti dalla legge.

Potrebbe interessarti:  Il funzionamento delle nuove graduatorie di merito regionali

Opposizione

I docenti illegittimamente depennati possono fare un ricorso immediato d’urgenza (ex art.700 c.p.c.). L’UST non può depennare quando una causa è cancellata dal ruolo. Qui la cancellazione è stata fatta per poter integrare il ricorso pendente in vista della prossima Plenaria. Al momento è sospeso dunque, non cancellato per mera rinuncia. La violazione commessa dall’Ufficio scolastico è bensì grave alla luce del pregiudizio arrecato per le prossime convocazioni da Gae di settembre. Va da se che preliminarmente occorre diffidare l’UST al reintegro della corretta posizione revocando il depennamento. Qualora ciò non producesse l’effetto desiderato occorrerà opporsi senza indugio. Chi ha effettuato la cancellazione indebita rischia anche sanzioni di carattere amministrativo ed economico di una qual certa rilevanza.