Renzi convoca gli onorevoli a scuola di facebook

Renzi conosce molto bene il potenziale dei social network, al punto tale da sviluppare una passione che sfocia praticamente nell’ossessione. Questi costituiscono la percentuale maggiore dei mezzi utilizzati per fare comunicazione. In gioco ci sono le prossime elezioni politiche e una frase sbagliata, un post inappropriato, una uscita infelice come quel “Aiutiamoli in casa loro” andato in scena la settimana scorsa, può costare la perdita di altri preziosi consensi.

La convocazione

L’Agenzia di stampa Dire riporta la convocazione del segretario del Partito democratico rivolta al gruppo di onorevoli in cui si notifica la riunione in programma per mercoledì prossimo. Sarà una due ore full immersion in cui la parola d’ordine sarà ” Vietato distrarsi”. Dopo di che like, notifiche e faccine non avranno più segreti per il più grande gruppo del Parlamento italiano. Verrà svolto un corso tecnico durante il quale sarà consentito di prendere appunti mediante l’uso di penna, taccuini e tablet.

Potrebbe interessarti:  Diplomi falsi per ottenere il posto, indagato Personale ATA

Il video messaggio

Renzi ha mandato questo messaggio agli onorevoli. “Carissime, carissimi. Abbiamo pensato potesse essere utile mettere a disposizione di tutti voi un piccolo corso di formazione sui social network e in particolare su Facebook. L’appuntamento per i 400 parlamentari è per mercoledì prossimo nella sede nazionale di largo Sant’Andrea delle fratte, dalle 14 alle 16”. La missiva è stata inoltrata e firmata dal tesoriere nazionale del Pd Francesco Bonifazi.

Obiettivo elezioni 2018

Tutto il quartier generale dem si è mobilitato per questo evento digitale. Componenti e collaboratori della delegazione parlamentare si immergeranno in questa due ore per apprendere tutti i segreti della comunicazione ‘social’. Si cerca in questo modo di frenare la discesa nei consensi degli italiani per potersi presentare alle future elezioni con una speranza di riconferma dell’incarico di governo. Dai primi commenti ricevuti sul social sembra però prevalere lo scetticismo circa la validità di questa operazione.