Stipendi, 'docenti sempre più poveri': come influisce questo sulla scuola?
Stipendi, 'docenti sempre più poveri': come influisce questo sulla scuola?

Avete presente la frase recente della ministra Fedeli in merito agli stipendi dei docenti della scuola?Gli insegnanti dovrebbero guadagnare almeno il doppio. Almeno 3mila euro piò o meno”. A ribadire il problema dell’impoverimento del docente italiano arriva l’OCSE, che in base ai dati della sua ultima ricerca (“Come si sono evoluti gli stipendi degli insegnanti e come si relazionano a quelli dei docenti universitari?”) chiarisce il fatto che l’insegnante sta diventando sempre più povero. Peggio del docente italiano, c’è solo quello greco. E pensare che in paesi come la Germania, la Finlandia e il Lussemburgo le retribuzioni sono addirittura incrementate, superando persino quelle dei docenti universitari.

Noipa, cedolino stipendio luglio 2017: buone notizie, ma non per tutti

Stipendi docenti italiani: una linea in inesorabile discesa

In merito agli stipendi dei docenti e su come questi influiscono in termini reali sulla scuola, l’OCSE afferma: “I salari degli insegnanti possono avere un impatto diretto sulle decisioni individuali di intraprendere la carriere dell’insegnamento”. “Paghe più alte possono assicurare docenti maggiormente motivati e bravi al sistema formativo di un paese” conferma Intravaia dalle pagine di Repubblica. Se si parte da questo presupposto, i dati diventano allarmanti. Dal 2005 al 2014 la retribuzione del docente italiano ha perso 7 punti percentuali, al contrario di Germania e Irlanda dov’è aumentata rispettivamente del 10% e del 13%. L’aumento, anche se inferiore, c’è stato anche in Norvegia, Finlandia e nei paesi danesi e belgi. Anche la Francia ha visto una diminuzione, ma del 5%. Solo in Grecia va peggio, dove i tagli sono stati del 30%.

Potrebbe interessarti:  Scuola, precariato docenti e ATA ultime notizie: novità con l'emendamento alla LdB 2019

Pino Turi (UIL) ha commentato i dati: “In Italia abbiamo pagato la crisi con il blocco delle paghe, altrove si investe nella scuola“. Abbiamo bisogno di un riconoscimento sociale degli insegnanti e di un reale investimento in termini economici” ha dichiarato Maddalena Gissi, (Cisl). Se è vero che docenti mal pagati lavorano male, allora la situazione della scuola in Italia è allarmante.

Leggi anche: Scuola: ‘Cari prof, ecco come vi vorrei a settembre’, la lettera