Stop decreto vaccini esteso ai docenti

L’obbligo dei vaccini anche agli insegnanti ha provocato una ridda di polemiche e contestazioni tanto all’interno della categoria dei docenti quanto a quella dei parlamentari dell’opposizione. L’estensione del decreto ai docenti proviene dall’iniziativa dell’ on. Manassero ed è attualmente in discussione al Senato. Ma dati gli ultimi sviluppi non pare più così scontato che passi. Giunge infatti la notizia, ripresa dal quotidiano Il Giornale, che ci sarebbe uno stop ai vaccini estesi anche ai docenti.

Lo stop

Durante la discussione generale è arrivato lo stop della commissione bilancio all’emendamento al decreto vaccini che impone agli operatori sanitari, come medici e infermieri, e agli insegnanti a rispettare i nuovi obblighi vaccinali. A quanto si apprende, questa mattina la commissione avrebbe dato parere contrario sulla modifica firmata dalla relatrice Pd, Patrizia Manassero, per mancanza di coperture finanziarie. Il no della Commissione Bilancio, che segue quello posto dalla Ragioneria generale dello Stato di poche ore prima, mette il veto all’obbligo nonché alla somministrazione dei vaccini anche nelle farmacie.

Potrebbe interessarti:  La Senatrice Malpezzi e la revisione del reclutamento docenti secondo il nuovo esecutivo

Reazioni

Tra le reazioni all’interno della categoria degli insegnanti domina quella che ciò che infastidisce maggiormente sia l’imposizione obbligatoria della vaccinazione. Non ha senso perché non ci sono forme di epidemie eclatanti. Va tenuto conto, secondo questa linea di pensiero, che molte persone verrebbero messe a rischio con tale obbligatorietà perché non possono sottoporsi a nuove vaccinazioni.

Il prosieguo dei lavori

Al termine della discussione inizierà il voto sulle proposte di modifica. L’orientamento del Governo è di non porre la questione di fiducia sul decreto legge. Il decreto prevede l’istituzione dell’Anagrafe Vaccinale Nazionale e la riduzione da 12 a 10. Riduzione anche per le sanzioni alle famiglie che non ottemperano agli obblighi. Tra le fila dell’opposizione si registra la richiesta della Lega che ha chiesto il voto segreto. Nel caso non dovesse passare il testo tornerà in Aula.