Modello B graduatorie di Istituto 2017: nel caos arriva qualche chiarimento
Modello B graduatorie di Istituto 2017: nel caos arriva qualche chiarimento

Compilare il modello B per l’aggiornamento delle Graduatorie di Istituto 2017 non è stata una cosa semplice per tutti. Dopo il problema del doppio modello (uno poi è stato eliminato), l’odissea non è terminata. Molti insegnanti, dopo aver compilato il modello B, si sono trovati con la scuola capofila sbagliata o con le scuole inserite due volte, con un ordine di preferenze non rispettato nel pdf e cosa peggiore con i punteggi errati. In alcuni casi, chi ha contattato le segreterie ha scoperto che si tratta di un bug del sistema. Dato che non è ancora il momento per poter presentare i reclami, visto che i 10 giorni utili per il reclamo decorrono dalla pubblicazione delle graduatorie, i sindacati si sono messi al lavoro. La FLC CGIL ha dato già alcuni chiarimenti.

Graduatorie di Istituto 2017, modello B: compilazione da oggi 14 luglio, la guida

Chiarimenti caos modello B 2017: precisazioni della FLC CGIL

Chi ha compilato o si appresta a compilare il modello B per l’aggiornamento delle graduatorie di Istituto 2017 di II e III fascia, troverà utile i chiarimenti della FLC:

  1. gli aspiranti che sono inclusi sia in infanzia e/o primaria che nella secondaria, devono sapere che nel caso indichino più di 10 istituti comprensivi, per le graduatorie di infanzia e primaria saranno tenuti in considerazione solo i primi 10.

  2. Nei casi in cui l’ordine delle scuole sia diverso tra istanza e PDF, l’anomalia è stata segnalata. Nella sostanza non cambia nulla, ma è giusto che ci sia piena corrispondenza.

  3. Indicazione della scuola capofila tra le scuole scelte : già dal 2014 non è obbligatorio indicare la scuola capofila (che in sostanza è solo quella che gestisce la domanda) e a maggior ragione non è necessario indicarla come prima.

  4. Nel PDF risultano in GAE anche coloro che non lo sono: la prima voce di pagina 2 (incluso nelle graduatorie ad esaurimento della provincia di (6) ) è riferita alle graduatorie d’istituto e non alle GAE: gli archivi sono comunque corretti, l’errore è stato segnalato e stanno intervenendo.

  5. Docenti di ruolo con riserva : il Miur, modificando il precedente orientamento, ha chiarito con la FAQ 43 che chi è già di ruolo (anche se con riserva) non può inserirsi in II fascia per lo stesso insegnamento. Questi docenti non potranno compilare il modello B. Nella FAQ è comunque precisato che qualora la vertenza avesse un esito negativo per gli aspiranti, saranno riaperti i termini per presentare la domanda di II fascia

Potrebbe interessarti:  ATA, stop appalti di pulizia: che fine ha fatto la stabilizzazione degli Lsu?

Si resta in attesa che sia il Miur, giustamente, a procedere con la pubblicazione di una circolare di chiarimento, che garantisca le informazioni e rassicuri i docenti.