Mobilità scuola secondaria ultime notizie: pubblicati esiti movimenti nazionali, ecco le tabelle

C’era molta incertezza sul rispetto della scadenza, previsto per oggi, in merito alla pubblicazione dei bollettini ufficiali riguardanti la mobilità della scuola secondaria: se in un primo momento si era parlato di slittamento alla giornata di domani, venerdì 21 luglio, ora è arrivata la conferma.

Mobilità scuola secondaria II grado ultime notizie: pubblicati esiti movimenti, ecco le tabelle con tutti i trasferimenti

Come riportato anche da Orizzonte Scuola, sono stati pubblicati i file riguardanti gli esiti dei movimenti su tutto il territorio. La possibilità di trasferimento per ciascun docente può essere sia su scuola che su ambito. Se il docente viene trasferiti su ambito, i prof del secondo ciclo dovranno inserire sulla piattaforma ministeriale Istanze OnLine i requisiti in loro possesso, il CV e la scuola di partenza, nell’eventualità in cui non ricevano alcuna proposta di incarico da oggi fino al 22 luglio.
Gli Uffici scolastici regionali provvederanno ad assegnare i docenti beneficiari delle precedenze secondo quanto disposto dall’articolo 7 del Contratto Collettivo Nazionale Integrativo relativo al passaggio da ambito territoriale a singola scuola, oltre alle preferenze previste dal comma 3 dell’articolo 9, comma 3 dell’Ordinanza Ministeriale 221/17.
Nel primo elenco, troviamo nella prima colonna la provincia di riferimento, nella seconda la classe di concorso/tipologia di posto, seguita dal cognome e nome di ciascun docente con la tipologia del movimento ottenuto.
Il secondo elenco, invece, presenta un prospetto riassuntivo, per ogni provincia e per ogni classe di concorso, che evidenzia il numero dei movimenti che sono stati effettuati. Anche per questa seconda tabella è possibile la consultazione online o il download della stessa. I file sono consultabili e scaricabili su orizzontescuola.it/mobilita-ii-grado-file-nazionale-gli-esiti-tutti-trasferimenti-nazionali/
Potrebbe interessarti:  La Senatrice Malpezzi e la revisione del reclutamento docenti secondo il nuovo esecutivo