Scuola Frosini: qual è il punto della situazione? La lettera di Tripi
Scuola Frosini: qual è il punto della situazione? La lettera di Tripi

In questo articolo vi daremo alcuni aggiornamenti circa la situazione della Scuola Frosini di Pistoia. Il capogruppo del PD in consiglio comunale Walter Tripi, ha duramente ribattuto le recenti dichiarazioni dell’assessore Alessandra Frosini tramite una lettera. In essa, Tripi lamenta di come l’assessore Frosini, dimenticandosi del fatto di non essere più all’opposizione, abbia scaricato tutte le colpe sulla precedente amministrazione comunale, circa l’attuale status quo della scuola in questione.

Scuola Frosini: Tripi ribatte le dichiarazioni dell’assessore

Dopo le recenti dichiarazioni dell’assessore Alessandra Frosini circa la difficile situazione della scuola Frosini (scaricando le colpe sulla precedente amministrazione), il capogruppo del PD in consiglio comunale Walter Tripi ha deciso di indirizzare alcune domande al politico, tra cui i suoi progetti circa le sistemazioni delle classi che non potranno utilizzare l’istituto in questione. Tripi fa inoltre notare come la precedente amministrazione comunale abbia investito numerosi fondi per la scuola, molto più di altri enti locali italiani.
Nella sua lettera, il capogruppo PD ha dunque elencato i vari istituti scolastici verso cui sono state spese ingenti somme di denaro. Ecco qualche nome (e qualche numero): 1,8 milioni di euro per il Melograno, 600000 euro per la ristrutturazione del Roccon Rosso, 550000 euro per la ristrutturazione della Girandola, 100000 euro di infissi per la San Sebastiano e 62000 euro per le scuole Marini di Pontenuovo.

Potrebbe interessarti:  ATA terza fascia: graduatorie truccate per favorire parenti

Scuola Frosini: Tripi non accetta le ‘accuse’ dell’assessore 

Dopo tali premesse, Walter Tripi chiede dunque all’assessore Alessandra Frosini la disponibilità a ritrattare le sue ‘accuse’ nei confronti della passata amministrazione comunale. Inoltre, il capogruppo PD chiede quali siano le attuali intenzioni da parte dell’amministrazione circa la messa in sicurezza degli istituti scolastici. Infine, ironicamente, Tripi si congeda confidando in una risposta da parte della sua destinataria, con la ‘speranza’ di non ricevere domande approssimative quali ‘Avete governato per 70 anni‘, in quanto egli stesso afferma di averne solamente 28.
Fonte:
Il Tirreno