Corte d'Appello di Milano conferma reinserimento in GaE con sentenza di merito

Il Tribunale del Lavoro di Palermo ha emesso una sentenza di merito con la quale un docente ottiene il reinserimento nelle GaE. Questa pronuncia va ad aggiungersi ad un ricco elenco di analoghi accoglimenti di altri tribunali ordinari. Nel dispositivo del giudice del Tribunale di Palermo, D.ssa Paola Marino, viene ribadito il diritto all’aggiornamento in qualsiasi momento. La legge che dispose la chiusura delle Graduatorie Permanenti non poteva precludere il reinserimento per chi già vi fosse presente. L’avvocato Lorenzo Maratea che ha assistito il ricorrente ce ne da notizia unitamente al documento emesso dal tribunale siciliano.

Il Dispositivo

Il giudice, definitivamente pronunciando, condanna il medesimo MIUR a reinserire parte ricorrente nelle GAE 2014-2017 della provincia di Palermo scuola secondaria classe di concorso A345 e A346 nella posizione derivante dal proprio punteggio, in precedenza posseduto, nonché a provvedere ai relativi adempimenti per l’aggiornamento della graduatoria con riferimento alla posizione della parte ricorrente. Condanna inoltre il Ministero alla rifusione, in favore della parte ricorrente, delle spese di lite, che liquida in complessivi € 4.000,00 per competenze professionali, oltre IVA e CPA.

Potrebbe interessarti:  Il funzionamento delle nuove graduatorie di merito regionali

Nota in commento

Quella resa dalla Sezione Lavoro del Tribunale di Palermo nella persona della dott.ssa Marino è una sentenza utile che – esaurita una corposa disamina delle tematiche (di natura processuale) della giurisdizione e della competenza – affronta in modo singolarmente approfondito il tema del diritto soggettivo del docente al reinserimento in graduatoria ad esaurimento. La pronuncia, infatti, accoglie la domanda di un insegnante che era collocato nelle graduatorie ad esaurimento del capoluogo siciliano (anni 2011-2012) e che, successivamente, ne era escluso in occasione del periodico aggiornamento. La decisione, ricostruita in modo ineccepibile l’assenza di norme primarie in grado di limitare il diritto del docente di domandare utilmente il reinserimento in graduatoria, dispone in tal senso con vittoria di spese.

Avv. Lorenzo Maratea

sentenza Trib. Palermo Sezione Lavoro_reinserimento in GAE.