Sblocco rinnovo contratto scuola e aumento stipendi ultime notizie: 'Non svendiamo la categoria per pochi denari'

Le ultime notizie ad oggi lunedì 31 luglio in merito alla trattativa per il rinnovo di contratto dei dipendenti statali riguardano la dura presa di posizione assunta dai sindacati Anief e Udir contro gli aumenti ‘miseria’ di 85 euro lordi previsti per il personale scolastico.

L’Aran ha convocato il governo e i sindacati per mercoledì prossimo, in vista dell’avvio della negoziazione. L’obiettivo è quello di chiudere entro la fine dell’anno: tra le problematiche sul tavolo quella relativa al cumulo degli aumenti con il bonus 80 euro in modo che uno non escluda l’altro. La cifra media che si proporrà è di di 85 euro, da mettere sulla parte fondamentale della retribuzione, a cui si aggiunge il salario accessorio che sarà distribuito per merito. Tra le questioni trasversali ai comparti ci sono, oltre alle risorse, i capitoli relativi a orari e ferie, nonché la revisione dei permessi e delle assenze per malattia.

Scuola, ultime notizie rinnovo contratto: Anief ‘Prima di firmare, indurre un referendum’

Secondo quanto pubblicato da una nota pubblicata sul sito Web dell’Anief, si ritiene rilevante la volontà di rinnovare il contratto dei pubblici dipendenti, ancora di più perché arriverebbe dopo quasi un decennio di indecoroso blocco stipendiale. Tuttavia, come in ogni trattativa, le condizioni devono essere accettate in modo bilaterale. Invece, quello che si sta andando a determinare è un contratto dettato in larghissima parte dal datore di lavoro, che in questo caso è la parte pubblica. A iniziare dalla parte economica, visto che siamo fermi a una media di 50 euro netti, con il personale più avanti nella carriera e i dirigenti scolastici a cui andranno solo pochi “spiccioli” perché i loro compensi, nella logica di Robin Hood, sono già soddisfacenti e quindi gli si può chiedere un ulteriore sacrificio.
“Le cose purtroppo stanno diversamente – ha dichiarato il presidente dell’Anief, Marcello Pacifico – e sono fatte di un comparto che nell’ultimo decennio ha ricevuto uno stipendio sempre più magro. Per questo, sottoscrivere un rinnovo contrattuale alle condizioni che si prospettano, con aumenti ridicoli, rappresenterebbe un vero tradimento di chi ha delegato i sindacati a rappresentarli: i lavoratori vanno tutelati. Lo abbiamo detto e lo ripetiamo: prima di firmare un contratto del genere, ascoltiamo la ‘base’ con un referendum: sentiamo cosa ne pensano i dipendenti, a iniziare da quelli della scuola che percepiscono in media ormai meno degli impiegati e che provano un forte senso di frustrazione quando leggono i compensi dei loro colleghi europei”.

Scuola, ‘Recupero indennità vacanza contrattuale e applicazione di veri e propri aumenti’

Per sottoscrivere il nuovo contratto, Anief e Udir hanno calcolato che occorrerebbero 2.400 euro di aumenti annui per i docenti e 6mila euro per i dirigenti. Il calcolo deriva da due fattori: il recupero dell’indennità di vacanza contrattuale, pari al 7% e da conteggiare dal settembre 2015, come stabilito due anni fa la Corte Costituzionale; l’applicazione dei veri e propri aumenti, questi da assegnare dalla firma del contratto che hanno una consistenza analoga. Invece, il Governo ha messo sul piatto la miseria di 83-85 euro lordi a regime, di cui la maggior parte ancora da approvare con la Legge di Bilancio di fine 2017, peraltro da accreditare solo, se va bene, dai primi mesi del 2018. Tanto che, al momento, possiamo contare sulla sicura copertura di appena 36 euro lordi medi a lavoratore.
I nodi da sciogliere, tuttavia, non sono solo quelli relativi alla parte economica. Riguardano, a esempio, la perdurante discriminazione del personale precario rispetto a quello di ruolo: sono sempre di più i giudici, anche europei, che indicano come illegittimo trattare diversamente un supplente. Quello che attua lo Stato nei suoi confronti è un abuso: gli si richiedono gli stessi doveri, ma poi i diritti sono diversi. Pensiamo agli scatti di anzianità, alla diversità nella fruizione delle ferie, della malattia e dei permessi. Per non parlare dello svolgimento del servizio nei mesi estivi.

Potrebbe interessarti:  Contratto scuola 2019/2021 ultime notizie: esito incontro con ministro PA, Giulia Bongiorno

‘Rinnovo contratto scuola, ‘Non svendere la categoria per pochi denari’

“Anziché allineare i diritti, gli abusi nei loro confronti dal 2011 sono addirittura aumentati – continua Pacifico – perché per i neo assunti è stato introdotta, con i sindacati rappresentativi consenzienti, l’assurda abolizione del primo scatto stipendiale. Non mancano, comunque, anche le negazioni al personale di ruolo. Per quale motivo, a esempio, non è stata ancora introdotta la figura del vicario del dirigente scolastico, con il conseguente mancato riconoscimento giuridico e contrattuale? È giunto poi il momento, visto il fallimento delle scuole autonome, di ripristinare le 4mila dirigenze scolastiche tagliate negli ultimi dieci anni, a partire dall’approvazione della Legge 133/08”.
“La mancata attenzione da parte di chi governa le scuole per la qualità del lavoro di chi vi opera – dice sempre il sindacalista autonomo – si evidenzia anche dal taglio di 50mila Ata e dalla mancata assunzione di amministrativi, tecnici e collaboratori scolastici. Tra il personale non docente, inoltre, grida vendetta il trattamento riservato ai Dsga, 1.500 dei quali unità di segreteria prestate a svolgere un lavoro più grande di loro in cambio di compensi a dir poco irrisori. Non si comprende, a questo proposito,che fine abbia fatto il loro concorso, più volte annunciato dal Miur, come quello dei presidi e dei Coordinatori di segreteria, ma mai bandito”.
Sempre per il personale Ata, diventa imprescindibile anche adeguare normativamente le nuove funzioni lavorative: non si può gestire una segreteria, un tecnico o un ausiliario come si faceva 20 anni fa, quando le loro competenze erano decisamente diverse. Visto che le promesse non sono state mantenute, sarebbe anche bene che si sottoscriva nero su bianco anche l’esigenza di prevedere organici differenziati, quindi maggiorati, per il Sud e le zone disagiate.
“Per questi motivi – conclude Pacifico – diffidiamo i sindacati a sottoscrivere contratti che non tengano conto di tale indicazioni. È questo il momento di chiedere più risorse, di salvaguardare il personale con una parte normativa del contratto che tuteli le tante figure professionali che operano nelle nostre scuole. Svendere la categoria per pochi denari e arretrando sui loro diritti, a iniziare da quello della malattia sino ai permessi e agli orari di lavoro, rappresenterebbe un errore storico, che il personale, mai come stavolta, si legherebbe al dito”.