Precari: più di mille docenti assunti presso il Friuli-Venezia-Giulia
Precari: più di mille docenti assunti presso il Friuli-Venezia-Giulia

Più di mille docenti precari sono stati assunti presso vari istituti della regione autonoma Friuli-Venezia-Giulia. In tal modo, i posti fissi da parte degli insegnanti nelle scuole della regione, aumentano di 1066 unità. Il contingente FVG fa parte del piano di assunzione nazionale di 51773 unità. Sicuramente una buona notizia per i docenti in questione, ma nonostante tutto non sono mancate le lamentele da parte dei sindacati che criticano alcuni punti del decreto, così come i tempi stretti previsti. La CGIL ha fatto sapere che la prima fase (prevedente l’assunzione ed il passaggio dei candidati dall’ambito di assegnazione al singolo istituto) dovrà terminare entro il 12 Agosto prossimo.
A partire dal 16 Agosto 2017, l’ufficio scolastico regionale dovrà iniziare l’individuazione degli istituti di assegnazione per i docenti che non risulteranno essere già stati assegnati per il giorno 12. Adriano Zonta, segretario della FLC, ha dichiarato: ‘Il ritardo del decreto costringerà ad un super lavoro sia gli gli istituti che gli uffici scolastici regionale e provinciale, già alle prese con serie mancanze di organico’.

Potrebbe interessarti:  Come avverranno le immissioni in ruolo a seguito di concorso ordinario e straordinario

Precari: più di 1000 insegnanti assunti nella regione del FVG, i dati alla mano 

Buona notizie per i precari della regione autonoma del Friuli Venezia Giulia, i quali verranno stabilizzati entro metà del mese di Agosto. Dati alla mano, possiamo affermare con una certa dose di tranquillità che sono 1066 le unità passate dal precariato al ruolo:

  1. 366 docenti assunti presso le scuole superiori
  2. 318 docenti assunti presso le scuole primarie
  3. 291 docenti assunti presso le scuole medie
  4. 91 docenti assunti presso le scuole dell’infanzia
  5. 12 docenti assunti presso licei musicali

Precari: il punto di Ugo Previti

Nonostante la stabilizzazione di più di 1000 docenti precari, il segretario regionale di UIL Scuola Ugo Previti ha fatto notare come i tempi stretti del decreto costringeranno le istituzioni inerenti ad un estenuante lavoro. Previti ha ringraziato coloro che lavorano ben 12 ore al giorno, per garantire una partenza regolare della scuola nel mese di Settembre.
Fonte: Il Piccolo