Docente ITP inserita nella seconda fascia dal Tar Lazio

Ad una docente ITP il Tar Lazio ha consentito l’inserimento nella seconda fascia delle graduatorie di istituto. La sentenza del Tribunale amministrativo regionale è datata 7 agosto 2017. Il diploma ITP posseduto dalla ricorrente rientra nell’elenco di cui all’allegato C al D.M. n. 39/1998 – ai sensi dell’art.2 del medesimo D.M. n.39/1998. Accolta la tesi per la quale taluni tipologie di diplomi rientrano in un elenco di titoli abilitativi all’insegnamento. Prima di questa sentenza il diploma ITP era stato riconosciuto valido solamente per accedere ai concorsi.

Ricorso fondato

Nell’ emettere la sentenza di accoglimento del ricorso, il Tar Lazio ha osservato come il caso in esame attenesse all’inserimento dei docenti ITP nella seconda fascia delle graduatorie di circolo e d’istituto, cosa molto diversa rispetto a quella relativa all’inserimento degli stessi docenti nelle GAE. Il dispositivo della sentenza che rimettiamo in allegato recita come il ricorso meriti accoglimento e quanto esso sia stato ritenuto fondato. La sentenza originale è leggibile cliccando qui.

Potrebbe interessarti:  Scuola, Miur inizia a porre dei limiti al caos dell'autonomia scolastica sregolata

Il caso

La ricorrente è docente diplomata ITP per aver conseguito Diploma di istruzione professionale di  “tecnico dei servizi turistici”, nonché il Diploma di qualifica professionale per “servizi di ricevimento”. Come richiamato in precedenza, relativamente all’inclusione di tale diploma nell’Allegato C al D.M. n. 39/1998, non era necessario seguire un TFA o un PAS. Nello specifico la docente proveniva da due classi di concorso ( la C- 52 e la A-57 ) confluite nelle odierne cdc corrispondenti: la B19 e la A66. E’ a questo punto che il Tar Lazio interviene sottolineando come i Diplomi di carattere tecnico pratico non costituiscano una categoria omogenea (TAR Lazio, sez.III bis, n.03561/2017) ma ciascun diploma presenta caratteristiche specifiche tale da ritenere che esso consenta l’esercizio della corrispondente attività professionale – e, a maggior ragione, dell’insegnamento di carattere tecnico pratico- limitatamente alla specifica classe di corrispondenza indicata nell’All.C al D.M. n.39/98.