Come si diventa Personale ATA nella scuola: profili, requisiti e procedura
Come si diventa Personale ATA nella scuola

Riproponiamo la nostra guida su come si diventa personale ATA della scuola, in vista del prossimo bando.  Quali sono i requisiti e le procedure da seguire per diventare Personale ATA nelle scuole di ogni ordine e grado? La prima cosa da fare è distinguere i vari profili esistenti:

Area A:

  • Collaboratore scolastico o bidello (CS): in tutte le scuole

  • Area As: Collaboratore scolastico addetto all’azienda agraria (CR), solo negli istituti agrari

    Area B:

    • Assistente Amministrativo (AA): in tutte le scuole

    • Assistente Tecnico (AT): solo nelle scuole secondarie di II grado

    • Cuoco (CU): solo nei convitti/educandati

    • Infermiere (IF): solo nei convitti/educandati

    • Guardarobiere (GU): solo nei convitti/educandati

  • Area D: Direttore dei servizi generali ed amministrativi (DSGA): in tutte le scuole

Requisiti richiesti a chi vuole far parte del Personale ATA

Per divenire Personale ATA, i titoli di studio richiesti cambiano in base ai vari profili a partire dal diploma di qualifica triennale fino alla laurea (vecchio ordinamento ovvero specialistica/magistrale). Esistono alcune deroghe per coloro che sono inclusi in precedenti graduatorie o hanno svolto servizio per almeno 30 giorni in un determinato profilo. Per poter entrare nel dettaglio, è consultabile la guida della FLC CGIL cliccando qui.

Potrebbe interessarti:  Ata, punteggi falsi: 6 licenziati, 12 segnalati in Procura

Come si diventa Personale ATA

telegram-scuolainforma-336x280

Chi possiede il titolo di studio richiesto per il profilo di ATA che interessa, può chiedere di essere incluso nelle graduatorie d’istituto di III fascia (eccezione fatta per i DSGA), che vengono utilizzate dalle scuole per l’assunzione dei supplenti in sostituzione del personale assente. L’aggiornamento della graduatoria è triennale. Le assunzioni a tempo indeterminato (eccezione fatta per i DSGA) avvengono dalle graduatorie permanenti che si aggiornano/integrano di anno in anno, con l’inclusione di coloro che hanno già maturato almeno 24 mesi di servizio come ATA nella scuola statale. Per i DSGA esistono specifiche regole per le assunzioni a tempo determinato. La sostituzione temporanea per assenze avviene, di norma, con un incarico ad un assistente amministrativo in servizio nella scuola. Le assunzioni a tempo indeterminato avvengono dalle graduatorie dei concorsi ordinari: è prevista la pubblicazione del bando di concorso che si attende da molti anni.

Visite fiscali Inps, ultime notizie: cosa cambia dal 1° settembre per i dipendenti pubblici