Novità dalla Buona Scuola: Tutti promossi a elementari e medie
Novità dalla Buona Scuola: Tutti promossi a elementari e medie

Novità significative provengono dalla Buona Scuola di ‘renziana memoria’. Le nuove norme prevedono che nessun alunno delle elementari e medie sia bocciato a fine anno. La legge entrerà in vigore nel corso del 2017. Il rimando nei confronti degli studenti è previsto esclusivamente in caso di troppe assenze, ‘gravi infrazioni disciplinari’ o abbandono dell’anno scolastico. Ciò non è però previsto, invece, in base al profitto di uno studente.

Novità Buona Scuola: niente più bocciati a elementari e medie, ecco il decreto

Niente più bocciati ad elementari e medie quindi? Certo, tranne che nei casi eccezionali già citati nella nostra introduzione. Il decreto legislativo 62  risalente allo scorso mese di Aprile al riguardo parla chiaro: ‘Gli alunni e le alunne della scuola primaria e secondaria di secondo grado sono ammessi alla classe successiva anche in presenza di livelli di apprendimento parzialmente raggiunti o in via di prima acquisizione’. In poche parole, un ragazzo sarà bocciato solo in caso di comune accordo da parte degli insegnanti. Un solo parere negativo basterà al ragazzo a passare all’anno seguente.

Buona Scuola: si riducono le bocciature in questo modo?

Sembra che Renzi e Gentiloni non scherzino ed abbiano seriamente dichiarato guerra alle bocciature, perlomeno nei primi 8 anni di scuola.  C’è da ricordare che il nostro paese è uno di quelli a più alta dispersione scolastica. La norma però parla chiaro: alle elementari sempre promossi,a patto però che l’alunno non abbandoni la scuola, oppure non abbia troppe assenze.
Molto raro però che accadano simili eventi: tale situazione riguarda solo tre bambini su 1000 in prima elementare ed uno su 1000 nei restanti quattro anni. In poche parole: qualunque sia il profitto, gli alunni potranno avanzare tranquillamente alla classe successiva. Ci sono anche novità riguardo alle prove Invalsi: oltre ai classici test di Italiano e Matematica in seconda e quinta elementare, in quest’ultima classe sarà prevista anche un’ulteriore prova di lingua inglese.
Fonte:
Repubblica.it
Unionesarda.it