Bonus da 500 euro Miur 2017/18: da quando sarà disponibile? A cosa prestare attenzione
Bonus da 500 euro Miur 2017/18: da quando sarà disponibile? A cosa prestare attenzione

Bonus da 500 euro 2017/18 in arrivo: sulla piattaforma caratadeldocente, il Miur ha comunicato la data della disponibilità tramite un avviso. Come si legge, “Entro il 14 settembre p.v. l’applicazione cartadeldocente sarà disponibile per l’anno scolastico 2017/2018. Fino a tale data, i docenti e gli esercenti non potranno accedere all’applicazione cartadeldocente. Gli importi delle somme non spese e dei buoni prenotati e non validati verranno attribuiti al residuo dell’anno scolastico 2016/2017. Sempre fino a tale data non sarà possibile, per gli esercenti, validare i buoni sia da applicazione sia da web-service.” Quest’anno però bisogna prestare attenzione alla data di registrazione.

Bonus 500 euro 2017/18: quando e cosa aspettarsi dopo il reset del Miur

Bonus da 500 euro 2017/18 Miur: a cosa prestare attenzione

A differenza dello scorso anno, il bonus da 500 euro del Miur potrebbe non essere utilizzabile dal docente, se non si provvede alla registrazione in piattaforma cartadeldocente in tempo utile. Come già annunciato, infatti, la registrazione potrà essere fatta solo dal dal 1° settembre al 30 ottobre 2017, e non tutto l’anno come in precedenza. È facile dedurre che chi non provvede a registrarsi in tempo utile, non potrà spendere la somma. Bisogna pur tenere conto che per registrarsi occorre SPID, l’identità digitale. Ciò significa che, nel caso in cui non se ne fosse in possesso, bisogna anche calcolare il tempo occorrente per ottenerla. E dato che “il conto alla rovescia” è già cominciato, consigliamo a chi non lo avesse già fatto di iniziare a pensarci da subito. Per altri dettagli sul funzionamento del bonus da 500 euro, potete leggere il nostro articolo:

Potrebbe interessarti:  Scuola, bonus docenti 500 euro e merito ultime notizie: si lavora per 'interventi migliorativi'
telegram-scuolainforma-336x280

Bonus 500 euro 2017/18, il Miur conferma: chi ne ha diritto, come si riceve e cosa acquistare