CarloVerdone: 'La scuola soffre...io sono dalla parte degli insegnanti
CarloVerdone: 'La scuola soffre...io sono dalla parte degli insegnanti

Carlo Verdone torna a parlare di scuola ed insegnanti, in un’intervista rilasciata a Consigli di Classe – 10 buone idee per la scuola, libro di Alessandro Buttitta. Senza mezzi termini, l’attore italiano dice che la scuola soffre, che gli insegnanti sono umiliati e non meritano questo trattamento. Di seguito le sue parole, bellissime.

Carlo Verdone: “gli insegnanti non meritano questo trattamento”

Carlo Verdone dice: “La scuola soffre di questa instabilità nel perenne precariato degli insegnanti, nella confusione dei programmi e nella disillusione di molti studenti che potrebbero avere più opportunità ad aprire una pizzeria in Etiopia. Io sono e sarò sempre dalla parte degli insegnanti, di questi eroi che hanno creduto e credono, giustamente, che essere insegnante sia la professione più bella del mondo. Allenare i giovani per il loro futuro è meraviglioso ed importante. Ma è un corpo continuamente umiliato nella sua precarietà e nella retribuzione economica. Non meritano da decenni questo trattamento. Rischiamo di demotivarli ancora di più”.

“Passando in rassegna i miei compagni di classe, rifletto sul fatto che sono emersi prepotentemente nella vita professionale quelli che studiavano meno e avevano una condotta discutibile. Gli altri, che secondo me sarebbero diventati grandi personalità per i voti alti, sono rimasti opache figure. Con questo voglio dire che alla preparazione della scuola deve essere abbinata la voglia, l’ambizione di riuscire nella vita. Spesso questa ambizione esplode in chi meno te l’aspetti, in chi ha personalità affamata di emergere”.

telegram-scuolainforma-336x280

“Ho avuto professori severi e terrorizzanti che non mi hanno aiutato nell’amare e capire quella materia scientifica. Ne ho avuto altri che, al contrario, mi hanno fatto amare alcune materie. Materie che poi ho approfondito privatamente. Quando un insegnante ti porta ad amare la materia che sta insegnando, lui sta compiendo una grande, immensa missione. Ti sta educando al bello, alla grande cultura, alla curiosità in un’arte. Molto degli insegnanti che ho avuto – ci metto anche mio padre Mario – sono stati autentici sacerdoti del bello. A loro devo dire ancora oggi grazie per avermi fatto nascere delle passioni nel campo umanistico”.

Bonus da 500 euro 2017/18: come generare i buoni e rendicontazione