La manifestazione del 23 settembre a Roma che riunisce sanità, scuola e Vigili del Fuoco

La manifestazione che si terrà a Roma tra tre giorni in Piazza della Rotonda nei pressi del Pantheon, a due passi da Montecitorio e Palazzo Madama, per la prima volta in assoluto riunisce tre delle categorie di lavoratori maggiormente penalizzate dalle politiche governative condotte dal Governo Monti in poi. L’appuntamento è per le ore 10.30 dove, a dar vita alla manifestazione, sarà una delegazione mista composta da personale della sanità, della scuola e dei VV.FF. Il motto è ‘Uniti per la nostra dignità’.

Comunicato Stampa

A Roma, sabato 23 settembre ore 10.30, si terrà una manifestazione che prevede l’unione delle basi della p.a. scuola, sanità e vigili del fuoco. Il personale del pubblico impiego rivendica il diritto al rispetto in qualità di lavoratore nella sua professionalità. E ciò in quanto riferito ad ogni professionalità: manuale, tecnica, agricola, scientifica. In rappresentanza dei disoccupati, dei pensionati e delle future generazioni che non hanno voce. Contro un governo che sta ignorando e demolendo la struttura base della nostra società italiana.

Manifestazione aperta a tutti

Sul sito www.unpd.it le categorie si muoveranno assieme e organizzeranno altre manifestazioni per farsi conoscere. In questi ultimi vent’anni, i sindacati hanno distrutto la solidarietà che aveva caratterizzato. Ecco perché un gruppo di persone formate da docenti, sanitari e vigili del fuoco hanno deciso di riunire le categorie. Lo scopo fondamentale è quello di offrire sostegno pratico e morale in tutte quelle situazioni quotidiane in cui i lavoratori si sentono ormai soli . Il sito sarà strutturato in tre sezioni, uno per comparto, ci saranno sezioni dedicate alla legislatura, a corsi di aggiornamento, abbiamo psicologi in appoggio per dare sostegno a combattere il ‘burn out’ dei lavoratori e altre problematiche come il ‘mobbing’ o altro, sezioni in cui le persone potranno scrivere la loro esperienza lavorativa i loro problemi reali e le esperienze positive, vogliamo che siano le persone stesse a suggerire come si possono superare le difficoltà obbiettive, a parte lo stipendio, noi lavoratori sosteniamo situazioni di emergenza quotidianamente e troviamo soluzioni per far funzionare le cose nonostante tutto. La nostra scelta di scendere come semplici cittadini è fondamentale per avvicinare le persone che hanno perso fiducia nelle istituzioni, ma non nelle persone. Chiediamo a tutti una partecipazione senza le bandiere, persone che scendano in piazza con noi, perché credono che esiste ancora l’Italia, quella vera.
La pagina facebook dell’evento si trova cliccando su questa riga.
Seguono le firme:
Anna Monfredini
Pasquale Castaldo
Vincenzo Virgilio

Potrebbe interessarti:  Permessi docenti di ruolo e precari