Concorsi truccati: 7 docenti universitari in manette

Sui concorsi nazionali per accedere agli impieghi nella P.A. si è abbattuto un autentico ciclone di corruttele. Perlomeno dagli ultimi 7 anni a questa parte si è registrata una recrudescenza preoccupante che ha visto invalidare e bloccare diversi concorsi. TgCom batte la notizia dell’avvenuto arresto da parte della Guardia di Finanza di Firenze di 7 docenti universitari nell’ambito di una indagine a carattere nazionale.

I 7 arresti

Gli uomini delle Fiamme Gialle del capoluogo toscano hanno tratto in arresto 7 docenti universitari per reati corruttivi nell’ambito di un’inchiesta sui concorsi truccati. Gli indagati sono stati sottoposti ai domiciliari ed altre 22 persone hanno ricevuto l’interdizione dalle funzioni di professore universitario ed ogni altro incarico accademico per la durata di 12 mesi. i finanzieri hanno compiuto in totale 150 perquisizioni ed hanno indagato ben 59 persone.

I fatti contestati

Secondo quanto accertato dagli inquirenti, alcuni professori universitari avrebbero cercato di convincere un ricercatore, candidato al concorso per l’abilitazione scientifica nazionale all’insegnamento nel settore del diritto tributario, a rinunciare al concorso ritirando la propria domanda, favorendo così un altro candidato con un curriculum decisamente inferiore. In cambio avrebbe ottenuto l’assicurazione di poter ottenere l’abilitazione nella tornata successiva. A questa riga il link alla notizia originale.

Potrebbe interessarti:  Permessi docenti di ruolo e precari

Atavico vizio italico

La Guardia di Finanza ha condotto le indagini riuscendo ad accertare “sistematici accordi corruttivi tra numerosi professori di diritto tributario”. (Tra questi ci sono pubblici ufficiali componenti di diverse commissioni nazionali nominate dal MIUR). “L’ obiettivo era quello di rilasciare le abilitazioni tramite logiche gli scambi di favori reciproci e spartizioni territoriali nonché ottenere interessi personali professionali o associativi.”

Considerazioni finali

Il concorso per avvocati a Napoli dove tutti copiavano; il concorso per dirigenti scolastici del 2011, l’ultimo concorso docenti 2016 viziato da gravi anomalie e cambi in corsa delle commissioni. Se questa non è vera emergenza nazionale, cos’altro è?