Pubblicate quella tabella!

La tabella di valutazione dei titoli del prossimo transitorio è diventata il pomo della discordia. In rete si moltiplicano le reazioni inviperite dei colleghi abilitati TFA e PAS dopo la pubblicazione di un articolo de Il Fatto Quotidiano a firma di Lorenzo Vendemiale dello scorso 26 ottobre. In essa sono descritte le modalità con la quale si svolgerà il colloquio orale dal peso del 40%. Solo anticipazioni dunque, ma della tabella incriminata nessuna traccia. Perché non è stata pubblicata anche quella? In un articolo che contiene errori molto grossolani, la mancanza più grande probabilmente è proprio questa.

Dov’è la tabella?

Ma l’errore più grande che si può addebitare al giornalista che ha redatto l’articolo in questione è quello di aver rivelato che il giornale per il quale scrive è in possesso della bozza in mano ai tecnici del Miur. La circostanza è chiaramente descritta nel paragrafo intitolato “Decisiva l’anzianità di servizio”. Testuale: “L’ultima bozza stilata dal Miur – di cui ilfattoquotidiano.it è in possesso – chiarisce oltre ai tempi anche le modalità del concorso.” E a questo punto la domanda sorge spontanea: in che modo ne è venuto in possesso? Chi è stato a consegnare al Fatto Quotidiano la bozza della tabella in cui si dice che il punteggio attribuito alle abilitazioni darà origine allo “scontro fra bande di precari (in particolare tra Tfa e Pas)”?

Errori autonomi o ‘suggeriti’?

Va da sé che questo è un altro svarione giornalistico che sarebbe stato molto meglio evitare. Dopo aver usato con leggerezza il termine “sanatoria” ancorché tra virgolette, a sottolineare le mancanze dei governi precedenti circa la stabilizzazione dei precari, questa espressione potrebbe indurre il lettore verso un’ erronea interpretazione della qualifica di abilitati. Messa in questi termini, l’uomo della strada potrebbe pensare che questi docenti, altamente qualificati da percorsi molto costosi e altamente selettivi, siano degli abusivi della professione di docente.

Come riparare a questi errori?

Si peccherà forse di presunzione e di ingenuità se si avanza il seguente suggerimento al giornalista. Pubblichi un articolo di parziale rettifica a quello che ha suscitato un’ondata di sdegnate proteste pubblicando la bozza dei titoli incriminata. Dalla sua lettura e dal confronto tra docenti TFA e PAS, potrebbe nascerne una revisione che dia luogo ad una versione meno sbilanciata verso alcuni e più orientata all’equità di queste due abilitazioni. Sarà un’altra preziosa occasione per smentire i detrattori circa l’indisponibilità dei colleghi a collaborare tra loro.

Se vuoi tenerti informato su altre tematiche inerenti la Scuola e la Pubblica Amministrazione segui le nostre pagine tematiche:

Scuolainforma
Didattica & Multimedialità
Sostegno & Inclusione a Scuola
Tutto Personale ATA
Sblocchiamo il Contratto dei Dipendenti Pubblici
Concorso, FIT e Scuola
Diplomati Magistrali in GAE
Scuola news: Docenti di ruolo e Dirigenti Scolastici
Scuola: ne vogliamo parlare        
oppure seguici anche su Telegram semplicemente collegandoti al seguente link

https://t.me/scuolainforma