ATA, valido il servizio prestato presso la Camera di Commercio

Il personale ATA incassa un altro successo in tribunale. La questione riguarda la validità del servizio prestato in Camera di Commercio. Questo ai fini della determinazione del punteggio per le graduatorie relative. La tabella di valutazione III^ fascia per il personale ATA allegata al D.M. 717/2014, prevede che sia valutato con 0.05 punti per ogni mese o frazione di 15 giorni. “Il servizio prestato alle dirette dipendenze di Amministrazioni statali, Enti locali, nei patronati scolastici o nei consorzi provinciali per l’istruzione tecnica“. Il punto centrale del ricorso accolto dal Tribunale di Torino è tutto qui.

Accoglimento del ricorso

Il Tribunale di Torino ha dichiarato in via di urgenza ex art. 700 c.p.c. la piena valutabilità del servizio dallo stesso prestato presso la Camera di Commercio. Il Giudice del Lavoro ha infatti accolto la tesi secondo cui le Camere di Commercio, essendo enti pubblici dotati di autonomia funzionale che svolgono, nell’ambito della circoscrizione territoriale di competenza e sulla base del principio di sussidiarietà di cui all’art. 118 Cost., funzioni di interesse generale per il sistema delle imprese, curandone lo sviluppo nell’ambito delle economie locali, rientrano pertanto tra gli Enti locali il cui servizio deve essere valutato. Il ricorrente potrà fare valere fin da subito il punteggio spettante per tale servizio in occasione dell’imminente aggiornamento delle graduatorie di terza fascia del personale amministrativo, tecnico e ausiliario (ATA), e in attesa della sentenza definitiva che dovrà decidere anche sull’illegittimità della risoluzione d’ufficio del precedente contratto a termine decisa dall’istituto scolastico in ragione della presunta erroneità del punteggio in graduatoria.

Come proporre il ricorso

Come è noto, il termine per la presentazione delle domande di aggiornamento delle graduatorie del personale ATA sta per scadere. In esse, avere 1 o 2 punti in più, spesso e volentieri, può diventare risolutivo ai fini della stipula di un contratto. Per fare in modo che venga riconosciuto questo servizio occorre presentare un ricorso d’urgenza. A questo scopo potrà essere utile sapere che l’associazione Azione Scuola (scrivere a azionescuola2015@gmailcom) promuove tale ricorso.

Se vuoi tenerti informato su altre tematiche inerenti la Scuola e la Pubblica Amministrazione segui le nostre pagine tematiche:

oppure seguici anche su Telegram semplicemente collegandoti al seguente link

https://t.me/scuolainforma