Diplomati magistrali: una risoluzione politica solo dopo le prossime elezioni

Sulla questione dei diplomati magistrali ante 2001/2002 si riaccende l’attenzione della stampa nazionale che ha provocato un’ondata di proteste da parte delle decine di migliaia di docenti che attendono sviluppi dall’adunanza plenaria del prossimo 15 novembre. Su Repubblica, in appoggio alle richieste dei laureati in Scienze della Formazione Primaria, sono apparse delle dichiarazioni da parte di alcuni docenti universitari che ai più sono apparse completamente inopportune. I diplomati magistrali concordano tutti quanti su un dato di fatto incontrovertibile: il loro diritto alle GaE va trattato a parte senza mischiarlo con quello dei colleghi laureati ma, soprattutto, va fatto lontano dai riflettori della politica.

Dopo la Plenaria

Tutte le associazioni dei docenti i sindacati rappresentativi concordano su un fatto. Dopo la Plenaria non si risolveranno tutti i problemi ma si dovrà giungere ai meriti, ovvero alla fase conclusiva dei giudizi, dove potranno esservi molteplici problemi, dalla litispendenza di giudizi al Giudice del lavoro, che ha portato alcuni Uffici al depennamento, a diverse problematiche procedurali. Vi potrebbe essere la situazione paradossale per cui alcuni meriti si definirebbero dopo anni ed altri immediatamente, con una certa casualità, considerando le centinaia e centinaia di ricorsi pendenti”. Per giungere a soluzione serve una risoluzione politica con l’obiettivo di giungere alla definizione di tutte le posizioni pendenti e lo scioglimento ex lege delle riserve, senza giungere al merito.

Quando

C’è timore all’interno della comunità dei diplomati magistrali che la loro questione possa essere strumentalizzata dalla politica a fini elettorali. Non si vuole prestare il fianco ad iniziative che possano fare da volano per una vittoria alle elezioni. La questione è troppo importante per essere trattata anzitempo. Sono questi i motivi che hanno indotto alcune associazioni, tra le quali la Voce dei Giusti, a proporre una risoluzione politica solamente a urne chiuse.

La proposta

Al fine di evitare qualsiasi strumentalizzazione politica, si ritiene che qualsiasi misura debba essere operata successivamente alle elezioni politiche che si terranno presumibilmente nel mese di marzo del 2018, si provvederà nel frattempo a richiedere a tutte le parti politiche il proprio formale impegno a sostenere la causa dei diplomati magistrali, e ad adottare le misure in oggetto solo dopo le elezioni e con la massima priorità con dichiarazione controfirmata da tutti i rappresentati di tutte le parti politiche cosicché tutti avranno il merito di una simile proposta e nessuno potrà tecnicamente avvantaggiarsene. In caso contrario, si chiede che qualsiasi misura, che dovrà comunque essere presentata successivamente alla pubblicazione della decisione dell’Adunanza Plenaria che si terrà il 15 Novembre 2017, sia controfirmata da tutti i rappresentati di tutte le parti politiche, cosicché tutti avranno il merito di una simile proposta e nessuno se ne potrà tecnicamente avvantaggiare.

Se vuoi tenerti informato su altre tematiche inerenti la Scuola e la Pubblica Amministrazione segui le nostre pagine tematiche:

Scuolainforma

Diplomati Magistrali in GAE

oppure seguici anche su Telegram semplicemente collegandoti al seguente link

https://t.me/scuolainforma