ITP in GaE e in I fascia GI: pubblicata la nota

L’Ufficio Scolastico di Napoli, con una nota pubblicata il 17 novembre 2017, dispone l’inserimento con riserva dei docenti diplomati (o ITP ) in Gae e I fascia delle graduatorie di Istituto, purché destinatari di provvedimento cautelare del TAR Lazio. Nella nota si leggono le motivazioni della scelta, spinta soprattutto “dall’istanza cautelare richiesta con il ricorso n. 7891/2017, promosso da vari docenti, avverso il D.M. n. 400 del 12 giugno 2017, nella parte in cui non consente l’inserimento nelle citate graduatorie ad esaurimento dei docenti abilitati siccome muniti di diploma di istruzione superiore, titoli utili per l’accesso alle classi di concorso per gli insegnamenti di materie tecnico-pratiche di cui al D.P.R. 19/2016 e successive modificazioni ed integrazioni”.

ITP in Gae: il Tar del Lazio accoglie provvedimento cautelare

Loading...

Nota a favore degli ITP

La nota a favore degli ITP dell’ufficio scolastico di Napoli ritiene, come si legge, ” di dover dare esecuzione alla sopracitata Ordinanza n. 4880/2017, emessa dal T.A.R.-LAZIO–Sezione TERZA Bis. Gli art. 2 e 3 dicono: “Le graduatorie ad esaurimento definitive per il personale docente delle Scuole di Istruzione Secondaria di I° e II° grado, pubblicate in data 26 agosto 2014, sono integrate come da elenco allegato, che è parte integrante del presente provvedimento. ART. 3 –I ricorrenti sono inseriti “con riserva” nelle graduatorie ad esaurimento di questa Provincia nelle classi di concorso e con il punteggio indicato nel citato elenco, che non contiene, per effetto della legge sulla privacy, alcuni dati personali e sensibili concorrenti alla costituzione dello stesso. Il citato inserimento, nelle more della definizione del ricorso pendente, non è preclusivo alla stipula di contratti di lavoro sia a tempo determinato che indeterminato, da stipularsi con clausola risolutiva espressa in esito al giudizio di merito.”

Leggi la nota dell’Ufficio Scolastico di Napoli

Potrebbe interessarti: Scuola, formazione docenti: è o non è obbligatoria?