Pensioni 2018, decreto e circolare Miur: domanda e requisiti

In attuazione del Decreto Ministeriale 919/17, il Miur ha pubblicato la circolare operativa sulle modalità per le pensioni 2018, ovvero per il personale che intende cessare il servizio a partire dal 1° settembre 2018. La scadenza per la presentazione delle domande di dimissioni volontarie dal servizio (e l’eventuale richiesta di pensione più part-time) per il personale della scuola (docenti/educatori e ATA) è fissata al 20 dicembre 2017. Per i dirigenti scolastici il termine per la presentazione delle istanze è il 28 febbraio 2018.

Domanda pensioni 2018: attenti alla procedura

Le domande di dimissioni per le pensioni 2018, salvo specifiche eccezioni, si presentano utilizzando istanze online. Oltre alla domanda di cessazione, va anche presentata la domanda di pensione che deve essere inviate direttamente all’INPS, esclusivamente attraverso le seguenti modalità:

  1. presentazione della domanda on-line accedendo al sito dell’Istituto, previa registrazione;

  2. presentazione della domanda tramite Contact Center Integrato (n. 803.164);

  3. presentazione telematica della domanda attraverso l’assistenza gratuita del Patronato.

La domanda presentata in forma diversa da quella telematica non sarà procedibile fino a quando il richiedente non provveda a trasmetterla con le modalità sopra indicate.

I requisiti per i pensionamenti

I requisiti per le pensioni 2018, come spiega la FLC CGIL, sono:

Vecchiaia

  • 65 anni di età anagrafica – requisito per uomini e donne

  • 61 anni di età anagrafica – requisito di vecchiaia facoltativo esclusivamente per le donne

Anzianità

  • 40 anni di contribuzione – requisito della massima anzianità contributiva

Quota

  • 60 anni di età e 36 anni di contribuzione – quota 96

  • 61 anni di età e 35 anni di contribuzione – quota 96

Per raggiungere la “quota 96” si possono sommare ulteriori frazioni di età e contribuzione (esempio: 60 anni e 4 mesi di età anagrafica con 35 anni e 8 mesi di contribuzione).

Opzione donna (art. 1 comma 9 della legge 23 agosto 2004, n. 243). Per le sole donne è possibile il pensionamento con l’opzione per il sistema contributivo. Il pensionamento è consentito dal 1 settembre 2018 a condizione che il requisito di età (57 anni) e contribuzione (35 anni) sia stato maturato entro il 31 dicembre 2015 e che venga esercitata l’opzione per il calcolo della pensione col sistema contributivo. Pertanto chi ha maturato i requisiti dei 57 anni e 35 anni di anzianità contributiva entro il 31 dicembre 2015 potrà presentare domanda di pensione col sistema contributivo.

Ape sociale

Pensione di vecchiaia per uomini e donne con almeno 20 anni di contributi

  • 66 anni e 7 mesi entro il 31 dicembre 2018

Pensione anticipata

  • per le donne, 41 anni e 10 mesi di anzianità contributiva entro il 31 dicembre 2018;

  • per gli uomini, 42 anni e 10 mesi di anzianità contributiva entro il 31 dicembre 2018.

È confermata l’abolizione della penalizzazione per coloro che, pur avendo i requisiti del servizio, abbiano meno di 62 anni di età.

La circolare Miur sulle pensioni 2018

Il decreto