Convegno scuola a Roma su esito Plenaria

La Plenaria potrebbe uscire a giorni e ogni giorno da domani è quello buono. L’esito della Plenaria e gli scenari possibili per i diplomati magistrali sono stati al centro di un convegno a scuola tenutosi oggi a Roma. L’evento è stato realizzato dallo Studio Legale Bonetti e Santi Delia che aveva invitato caldamente diplomati magistrali a partecipare. La delicatezza del momento e della vicenda in generale avevano suggerito di fermare la risoluzione politica che si era in procinto di avviare a causa delle numerose contestazioni giunte da diversi interessati. Primi segnali di cedimento da parte del Miur che evidentemente ha subodorato la capitolazione in giudizio.

Vigili e pronti all’intervento

Gli Avvocati non si sono mai sbilanciati sull’esito della Plenaria in questi giorni. Unicamente hanno sottolineato, come dichiarato dall’Avv. Bonetti nel corso del convegno, come si possa parlare a tutti gli effetti di licenziamento di massa in caso di Plenaria negativa con graduale depennamento delle GaE da parte del MIUR nella peggiore delle ipotesi. Gli effetti diretti su tutta la categoria dei D.M sarebbero devastanti. I Possibili scenari della Plenaria sono essenzialmente due:

  • pronuncia di totale accoglimento, con conseguente inserimento a pettine di tutti i ricorrenti;

  • esito negativo e a quel punto necessaria una risoluzione politica.

I numeri dei diplomati magistrali dichiarati dal MIUR non sono veritieri perché sono stati conteggiati tutti a partire dagli anni ’60. Questo riconduce direttamente ad una proposta del dicastero di Viale Trastevere che ha con se il dolce sapore della vittoria per tutti gli interessati.

L’ottimismo di Pittoni

Al convegno hanno preso parte i senatori Maria Marzana (M5S) e Mario Pittoni (Lega). Quest’ultimo in particolare si è mostrato fiducioso sull’esito della Plenaria. Non è da escludere che esso derivi dalla proposta fatta dal Miur che riassumiamo brevemente di seguito. Rimettiamo di seguito il link al video in cui hanno preso la parola, uno dopo l’altro, i rappresentanti delle associazioni, i politici e gli avvocati.

La proposta del Miur

Nel corso dello svolgimento nella precedente sessione dell’adunanza plenaria i giudici di Palazzo Spada avevano chiesto al MIUR di quantificare esatta mente il numero dei diplomati magistrali. L’enorme consistenza di questo contingente ha preoccupato notevolmente ministero e governo alle prese con lo smaltimento delle GaE. E’ in questo contesto che si inserisce​ la possibilità dell’apertura di una fascia ad hoc specifica per i Diplomati Magistrali con sufficienti garanzie per la categoria. Sapremo a giorni il verdetto e a quel punto si capirà se verranno fatte ulteriori discriminazioni che verrebbero prontamente impugnate alla Cedu o se tutto filerà secondo giustizia e buon senso.