Ricorso per diplomati Isef : comunicato stampa Studio Legale Santonicola

Ricorso per accedere al ruolo con il concorso a cattedra semplificato 2018, rivolto ai diplomati ISEF . In merito ci scrive lo studio legale Santonicola avvisando che è possibile aderire al ricorso che verrà promosso in sede amministrativa entro la data del 11 dicembre 2017. Possono partecipare coloro che hanno conseguito il diploma ISEF con il vecchio ordinamento, purché ottenuto entro l’anno accademico 2001-2002.

Il Comunicato

Spett.li docenti,

illustriamo, in questa nuova rubrica, a beneficio dei diplomati ISEF, anche con paralleli ricorsi pendenti per il riconoscimento dell’abilitazione, le nostre argomentazioni a supporto del ricorso per l’accesso al ruolo semplificato, fornendo elementi informativi ai numerosissimi aderenti da ogni parte d’Italia.

telegram-scuolainforma-336x280

Come noto, per i soli insegnanti già abilitati o specializzati/ndi sul sostegno, entro febbraio 2018, è prevista una procedura concorsuale semplificata, per soli titoli, previo superamento di un colloquio orale, nemmeno selettivo, finalizzata all’immissione in ruolo.

Nello specifico, il Decreto Legislativo n. 59 del 13 Aprile 2017, art. 17, ha stabilito una “fase transitoria” che condurrà al ruolo i soli docenti già abilitati e specializzati entro il 31 maggio 2017, consistente in un colloquio di natura didattico-metodologica. Non è previsto un punteggio minimo. I partecipanti saranno collocati in una “graduatoria regionale di merito ad esaurimento”, per essere attinti e destinati ad un percorso annuale (con la stipula di un contratto a tempo determinato) superato il quale potranno accedere al ruolo. In ragione di tanto, il legale Ciro Santonicola, vista l’imminente pubblicazione del decreto M.I.U.R. (disciplinante il bando, i termini, le modalità di presentazione delle istanze, di espletamento della prova orale, di valutazione della prova e dei titoli e composizione della commissione di valutazione) propone un’azione giudiziaria, in sede amministrativa, diretta ad ottenere una pronuncia sulla spendibilità del titolo accademico I.S.E.F., conseguito entro l’anno 2001/2002 (ovvero entro l’ultimo anno accademico utile per poter conseguire il diploma, all’indomani della trasformazione dell’ISEF in Istituto Universitario di Scienze Motorie), AI FINI DELLA PARTECIPAZIONE AL CONCORSO A CATTEDRA 2018 CHE NON PREVEDE NESSUNA PROVA SELETTIVA!

Potrebbe interessarti:  Scuola, docente incinta muore dopo un malore in classe

OBIETTIVO FINALE: Non perdere l’irripetibile opportunità di conseguire l’immissione in ruolo con il nuovo piano di reclutamento agevolato!

Su cosa si fonda il ricorso

Si riportano alcune considerazioni tradotte in motivi di diritto, già avallate, come noto, da pronunciamenti giudiziari:

-Per la categoria di insegnanti Isef non è stata concretamente istituita una procedura abilitativa ordinaria. Quanto ai percorsi abilitanti speciali (PAS), attivati all’indomani dell’ultimo concorso a cattedre (con il Decreto Ministeriale n. 81/13), previsti anche per i docenti in possesso del Diploma ISEF, si precisa come gli stessi siano stati interdetti a coloro che non avessero maturato, entro l’anno scolastico 2011/2012, il requisito di servizio di 540 giorni (suddivisi in 3 anni scolastici da minimo 180 giorni per annualità).

-Il T.A.R. Lazio, sulla base delle argomentazioni espresse dal Consiglio di Stato, nell’ordinanza n.1836 del 18 maggio 2016, già ha accolto istanza cautelare, disponendo l’ammissione dei ricorrenti I.S.E.F. alle prove concorsuali.

Ultima considerazione: coloro che hanno in atto il ricorso ABILITAZIONE COMPARTO I.S.E.F., funzionale al riconoscimento dell’abilitazione all’insegnamento (INNANZI AL GIUDICE DEL LAVORO, T.A.R., PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA), possono, a nostro parere, ricorrere anche per il ruolo semplificato.

Si illustrano le motivazioni. Parliamo di azioni giudiziarie distinte:

– La prima (RICORSO ABILITAZIONE COMPARTO ISEF) è stata diretta ad impugnare il Decreto di Aggiornamento delle Graduatorie di Istituto (D.M. 374 del 01/06/2017, triennio 2017/20), nella parte in cui non ha riconosciuto l’avvenuto conseguimento dell’abilitazione all’insegnamento e la conseguente collocazione nella seconda fascia delle graduatorie di istituto, per le classi di concorso interessate (a tutela dei docenti in possesso di TITOLO ACCADEMICO I.S.E.F. VECCHIO ORDINAMENTO)

– La nuova azione (RICORSO RUOLO SEMPLIFICATO PER DOCENTI ISEF) è diretta ad impugnare il nuovo sistema di reclutamento, nella parte in cui non ha riconosciuto la possibilità di partecipare al piano di assunzione agevolato, senza subire alcuna ulteriore selezione.

Cliccando qui si può trovare il link per l’adesione, entro il giorno 11/12/17.