Stipendi scuola e avvio nuovo anno scolastico: intervista al sottosegretario al Miur, De Cristofaro (ESCLUSIVA)
Stipendi scuola e avvio nuovo anno scolastico: intervista al sottosegretario al Miur, De Cristofaro (ESCLUSIVA)

Una jungla, siamo punto e a capo, la scuola pubblica si fonda ormai sui ricorsi, su chi li vince e su chi li perde: sfortunati e fortunati (per caso), sperando nel giusto avvocato.
L’anno 2017 si chiude con la decisione delle decisioni: la plenaria del Consiglio di Stato dovrà decidere se immettere in gae un numero imprecisato di diplomati magistrali (chi parla di 60000, chi di 120000 e di 180000) quindi si attende con ansia.

Anno nuovo, ricorsi nuovi

Nel 2018 si profilano nuovi ricorsi legati per lo più al piano di reclutamento chiamato “transitorio”, procedura concorsuale con prova orale non selettiva (da bando aperta quasi solo ai TFA) alla quale diversi avvocati stanno cercando di far accedere altre categorie, quelli con i 180 x 3, quelli di ruolo che probabilmente sono esclusi, quelli che avendo 3 anni compreso uno di sostegno vogliono avere il ruolo sul sostegno: insomma tanti, tantissimi che aspirano al ruolo. E ci sono anche alcuni abilitati esclusi (una vera e propria jungla).

Loading...

DM e SFP esclusi dal concorso semplificato

Purtroppo i diplomati magistrali e coloro che hanno preso la laurea (abilitante) in scienze della formazione primaria sono esclusi dal piano transitorio. Il piano è stato predisposto solo per la scuola secondaria di primo e secondo grado. Ciò è abbastanza inspiegabile, soprattutto se si pensa che sia il TFA, sia il percorso di SFP LM-85BIS (Scienze della formazione Nuovo Ordinamento) sono figli dello stesso decreto: DM 249-2010.
La pezza cercheranno di metterla gli avvocati, come al solito, intentando ricorsi anche contro questa scelta del MIUR, che ha sancito abilitati di serie A e di serie B.
Comprensibile l’apprensione dei diplomati magistrali che vivono un momento difficilissimo, cruciale e che da abilitati avrebbero anche loro gradito di far parte del transitorio, in modo da avere un’ancora di salvataggio, qualora la plenaria dovesse essere sfavorevole.
La scuola dei ricorsi e delle ingiustizie continua.

Loading...