Legge di Bilancio 2018, approvata alla Camera: tutte le misure per la scuola
Legge di Bilancio 2018, approvata alla Camera: tutte le misure per la scuola

Subito dopo l’approvazione alla Camera della Legge di Bilancio 2018 la ministra Valeria Fedeli con orgoglio dichiara: “La legge di bilancio per il 2018 contiene molte norme qualificanti per i nostri settori. La manovra mette al centro la crescita, l’inclusione sociale, il lavoro, con molte misure rivolte alle giovani e ai giovani. Il provvedimento partiva con contenuti importanti, che sono stati ulteriormente migliorati attraverso il lavoro parlamentare”. Intanto è atteso per oggi, 23 dicembre, l’approvazione della stessa legge in Senato.
Intanto, qui di seguito, riportiamo le principali misure della Legge di Bilancio 2018 previste per Scuola ed approvate oggi alla Camera dei Deputati.

  • Nuove assunzioni – Verranno istituiti ulteriori posti di insegnamento nell’organico di diritto delle scuole, mediante il finanziamento di 150 milioni a decorrere dall’anno scolastico 2018/2019.
  • Formazione e sperimentazione didattica – Sarà istituito un fondo, con lo stanziamento di 10 milioni nel 2018, 20ml nel 2019 e 30ml a decorrere dal 2020, che si aggiungono alle risorse disponibili per il rinnovo contrattuale del personale docente delle scuole. Il fondo servirà per valorizzare, attraverso la contrattazione collettiva nazionale, le docenti e i docenti che si impegneranno particolarmente nella formazione, nella ricerca, nella sperimentazione didattica o che raggiungeranno particolari risultati nella diffusione nelle scuole di modelli di didattica per lo sviluppo delle competenze.
  • Proroga graduatorie concorso docenti 2016 – Sarà prorogata la validità delle graduatorie del concorso per docenti bandito nel 2016.
  • Educatori socio-pedagogici – Saranno introdotte alcune norme con specifiche sulla qualifica di educatore socio-pedagogico e pedagogista.
  • Titoli abilitanti universitari – Valorizzazione dei titoli abilitanti in occasione degli aggiornamenti delle Graduatorie di istituto, con particolare attenzione a quelli conseguiti in ambito universitario.
  • Stipendi dei Dirigenti Scolastici – Armonizzazione delle retribuzioni dei dirigenti scolastici con gli altri dirigenti della PA, grazie ad uno stanziamento di 96 milioni di euro a regime.
  • Organico di potenziamento e discipline motorie – Destinazione del 5% dei posti dell’organico per il potenziamento dell’offerta formativa per promuovere le discipline motorie presso le scuole primarie.
  • Disabilità e Sostegno – Conferma, anche per il 2018, dello stanziamento di 75 milioni di euro per l’assistenza alle alunne e agli alunni con disabilità.
  • Assunzioni Personale con contratti co.co.co – Assunzione in ruolo del personale che, dall’entrata in vigore della legge n. 124 del 1999, lavora presso le scuole con contratti di co.co.co.
  • Supplenze brevi per il Personale ATA – Reintroduzione della possibilità di conferire supplenze brevi al personale ATA.
  • Concorso DSGA – Emanazione, entro il 2018, dopo oltre 15 anni di attesa, del concorso per DSGA (Direttori generali dei Servizi Generali e Amministrativi).
  • Finanziamenti per gli Istituti Tecnici Superiori – Stanziamento di 10 milioni nel 2018, 20 milioni nel 2019 e 35 milioni a partire dal 2020 per gli Istituti tecnici superiori (ITS).
  • Scuole innovative – Costruzione di scuole innovative nelle Aree interne del Paese.
  • Nuove assunzione di personale del MIUR – Piano di reclutamento straordinario del personale del MIUR per ridurre il carico amministrativo sulle scuole e aumentare il supporto alle istituzioni scolastiche stesse.

Fonte: Orizzontescuola, Guidafisco