I genitori appoggiano lo sciopero delle maestre

Lo sciopero del prossimo 8 gennaio indetto contro la pronuncia della plenaria che esclude i diplomati magistrali dalle Gae provoca nell’opinione pubblica opinioni contrastanti. Non sono pochi i genitori che bollano questo sciopero come un ulteriore allungamento delle ferie. i docenti già privilegiati. Altri ancora lo vedono come un fastidio ed un intralcio alla propria giornata lavorativa. I diplomati magistrali costituiscono il 70% della forza lavoro nella scuola primaria e dell’infanzia. Facile intuire come l’astensione dalle attività didattiche previste per questa giornata determinerà la chiusura di molte scuole su tutto il territorio italiano. Ma non tutti i genitori la pensano così. Arriva dalla frazione di Mastromarco, comune di Lamporecchio (PT) un bellissimo messaggio di solidarietà a queste maestre ed un invito a tutti i genitori a sostenere le loro legittime ragioni. Di seguito il messaggio trasmesso dalle pagine del quotidiano il Tirreno.

Noi vogliamo le nostre maestre

Noi genitori degli alunni della scuola per l’infanzia di Mastromarco vogliamo far sentire la nostra voce. Vogliamo dirlo forte e chiaro che i bambini sono il nostro futuro, un bene da tutelare. E invece vengono trattati come pacchi postali. I bambini si sono affezionati e vogliono molto bene alle loro maestre. Se a breve non ci fossero più, sicuramente ne risentirebbero; sarebbero più confusi e insicuri. Oltre che di basi culturali i nostri figli hanno bisogno di punti fermi nelle loro vite; di persone affidabili, che li trattino bene e li rispettino. Non capiamo come sia possibile: perché maestre che insegnano da moltissimi anni, improvvisamente, non sono più adatte a ricoprire il loro ruolo? Non sono forse le stesse che da anni si prendono cura dei nostri bambini? Aiutandoli e sostenendoli dal punto di vista dell’istruzione, certo; ma anche umano. Per questo manifesteremo al fianco delle due maestre. E faremo tutto ciò che possiamo per provare a invertire la rotta. E, soprattutto, per farle restare ancora qui, a Mastromarco.

Potrebbe interessarti:  Scuola, precariato docenti e ATA ultime notizie: novità con l'emendamento alla LdB 2019