Riforma visite fiscali 2018, svolgimento e reperibilità: le novità
Riforma visite fiscali 2018, svolgimento e reperibilità: le novità

In Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il decreto 17 ottobre 2017, n. 206, che riguarda la riforma delle visite fiscali, incluse le fasce orarie di reperibilita’, ai sensi dell’articolo 55-septies, comma 5-bis, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165. Come conseguenza, il decreto del Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione 18 dicembre 2009, n. 206, è stato abrogato. Cosa cambia circa lo svolgimento delle visite fiscali e la reperibilità?

Inps: istruzioni e nuovi chiarimenti, messaggio 4282 su visite fiscali 

Svolgimento delle visite fiscali e la reperibilità

Come riportato nella Gazzetta Ufficiale, gli articoli 2, 3 e 4 del decreto disciplinano lo svolgimento delle visite fiscali e la reperibilità.

Art 2

Svolgimento delle visite fiscali

1. Le visite fiscali possono essere effettuate con cadenza sistematica e ripetitiva, anche in prossimita’ delle giornate festive e di riposo settimanale, fermo restando quanto previsto dall’articolo 55-septies, comma 5, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.

Potrebbe interessarti:  Reclutamento scuola, notizie 13/11: cosa sta per cambiare?

Art. 3
Fasce orarie di reperibilita’

1. In caso di assenza per malattia, le fasce di reperibilita’ dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni sono fissate secondo i seguenti orari: dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.
2. L’obbligo di reperibilita’ sussiste anche nei giorni non lavorativi e festivi.

Art. 4
Esclusioni dall’obbligo di reperibilita’

1. Sono esclusi dall’obbligo di rispettare le fasce di reperibilita’ i dipendenti per i quali l’assenza e’ riconducibile ad una delle seguenti circostanze:
a) patologie gravi che richiedono terapie salvavita;
b) causa di servizio riconosciuta che abbia dato luogo all’ascrivibilita’ della menomazione unica o plurima alle prime tre categorie della Tabella A allegata al decreto del Presidente della Repubblica 30 dicembre 1981, n. 834, ovvero a patologie rientranti nella Tabella E del medesimo decreto;
c) stati patologici sottesi o connessi alla situazione di invalidita’ riconosciuta, pari o superiore al 67%.