CUB, SGB, SI COBAS, USI – AIT, SLAI COBAS, SISA

La deputata e responsabile scuola e università di Forza Italia, onorevole Elena Centemero ha commentato lo sciopero della scuola organizzato per la giornata di oggi, lunedì 8 gennaio 2018, come protesta per la sentenza del Consiglio di Stato in merito all’esclusione dei diplomati magistrali dalle graduatorie ad esaurimento.

Sciopero maestre, Centemero: ‘Ecco la soluzione di Forza Italia’

‘Le ragioni delle maestre e dei maestri che oggi sono scesi in piazza sono comprensibili – ha dichiarato la Centemero – e va comunque rispettata la garanzia della continuità didattica. Ecco perché è necessario trovare presto una soluzione.’

Da qui la proposta della responsabile scuola di Forza Italia che lancia il proprio appello affinché venga predisposto un intervento ad hoc: quale? Un concorso riservato. Ecco le parole dell’onorevole Centemero:
“La situazione che si è creata con la sentenza del Consiglio di Stato sui diplomati magistrali esclusi dalle graduatorie a esaurimento richiede un intervento ad hoc che potrebbe essere individuato in un concorso riservato. Le graduatorie sono state chiuse e non possono più essere riaperte perché la conseguenza sarebbe quella di alimentare ulteriormente il precariato, che è stato il risultato della Buona scuola. Meglio quindi sarebbe un concorso con requisiti specifici per risolvere il problema”.

Pacifico, Anief: ‘Bisogna adottare un decreto legge urgente’

Di tutt’altro avviso, il presidente dell’Anief, Marcello Pacifico, che ha così commentato lo sciopero di oggi: “Migliaia le adesioni. Bisogna adottare un decreto legge urgente che, nelle more dell’attuazione della nuova formazione iniziale e reclutamento, a seguito della sentenza dell’adunanza plenaria, riapra per la terza e ultima volta le graduatorie ad esaurimento per il personale docente abilitato e confermi nei ruoli i docenti già assunti con riserva. Così da garantire la continuità didattica ma anche l’assunzione per merito, la parità di trattamento”.
Potrebbe interessarti:  Bimbi stranieri a scuola: tetto al 30% nel Comune di Trieste