Usr Lombardia: no rettifica ai contratti dei ricorrenti DM in attesa del parere dell'Avvocatura di Stato
Usr Lombardia: no rettifica ai contratti dei ricorrenti DM in attesa del parere dell'Avvocatura di Stato

Chiarimenti in merito alla situazione dei ricorrenti abilitati con il diploma magistrale. Negli ultimi giorni, molti docenti hanno ricevuto una comunicazione da parte dei propri istituti scolastici. Essi sono docenti con ricorso pendente per l’inserimento in Gae, che hanno stipulato contratto a tempo determinato e indeterminato. Nella comunicazione si evidenzia di specificare la loro posizione in base agli sviluppi del proprio ricorso.

Richiesta di modifica del contratto

Oggetto della comunicazione è stata la richiesta di specificare la propria posizione legale, essendo, questi docenti, con ricorso pendente. In alcuni casi, addirittura, è stata richiesta la modifica del contratto stipulato nei mesi precedenti. Tutto ciò, quindi, ha provocato confusione e dubbi ad una situazione già abbastanza complessa e indefinita.

Gli effetti dell’esito dell’Adunanza Plenaria

Le motivazioni delle richieste da parte dei Dirigenti Scolastici sono il frutto dell’esito negativo dell’Adunanza Plenaria. Esito discusso dal Consiglio di Stato nel novembre 2017 e pubblicato il 15 dicembre successivo. Queste richieste, infatti, partono dalle disposizioni fornite dal MIUR. Il Ministero dell’Istruzione ha, espressamente, disposto alle amministrazioni il calcolo dei contratti stipulati dai ricorrenti con diploma magistrale che hanno ricorso pendente. Ricorsi che si riferiscono alla richiesta di inserimento nelle graduatorie ad esaurimento. I suddetti contratti dovrebbero essere stati disposti dai provveditorati con l’aggiunta di una clausola. Clausola che avrebbe previsto la rescissione di esso nel caso in cui il ricorso si fosse concluso con esito negativo. Il problema, per molti dirigenti, nasce dal fatto che, in alcuni casi, le amministrazioni non hanno seguito le seguenti disposizioni. In alcuni contratti, infatti, non è stata apposta la suddetta clausola.

Potrebbe interessarti:  Nuova plenaria per i diplomati magistrali

Nota chiarificatrice dell’USR Lombardia

Con una nota pubblicata sul proprio sito ufficiale (MIUR.AOOUSPMI.REGISTRO-UFFICIALEU.0001142.24-01-2018), l’Ufficio Scolastico Regionale Lombardia ha chiarito la situazione ai propri Dirigenti Scolastici. Come evidenziato nella nota specifica “le SS.LL. (i Dirigenti Scolastici) non dovranno in nessun caso procedere ad una rettifica dei contratti attualmente in essere e/o delle graduatorie di istituto”. Questo, in attesa del parere richiesto all’Avvocatura dello Stato.