Sciopero della scuola: ultime notizie

Un altro sciopero della scuola, dopo quello svoltosi lo scorso 8 gennaio, è in programma per il prossimo 23 febbraio. L’assemblea nazionale Cobas, come si legge sul loro portale, aveva invitato tutte le categorie a riunirsi. E’ importante far capire che gli aumenti prospettati sul contratto sono inaccettabili. Anche la mancata presa di posizione per i diplomati magistrali va censurata. Tutti i diplomati magistrali devono capire che il 23 febbraio devono fare sciopero. Creare disagio per far capire che vanno stabilizzati.

Tappa a Bologna

I Cobas mostrano apprezzamento per la convergenza sulla data del 23 febbraio dimostrata anche da altre sigle sindacali. Mai come in questo momento è importante mobilitarsi per esprimere le volontà convergenti del movimento di lotta e ad arrivare a decisione unitaria e condivisa. Una tappa importante è quella prevista per il prossimo 4 gennaio a Bologna. E’ stata convocata infatti l’assemblea nazionale dove sono stati invitati tutti i docenti e gli ATA delle scuole di ogni ordine e grado.

La proposta per i DM

I Cobas ne approfittano per ricordare la soluzione da loro prevista per i diplomati magistrali che è stata presentata lo scorso 17 gennaio al MIUR. Riassumiamo i tre punti principali di seguito:

  1. le immesse/i in ruolo che hanno superato l’anno di prova devono conservare il posto, così come chi sta effettuando ora l’anno di prova;

  2. permanenza nelle GAE, in base al punteggio acquisito, delle maestre/i diplomate/i e riapertura delle GAE per tutti/e i/le docenti in possesso di abilitazione (diplomati magistrali con titolo conseguito entro l’a.s. 2001/2002, laureati in Scienze della Formazione primaria Vecchio e Nuovo ordinamento, PAS, TFA, ecc.);

  3. 3) immissione in ruolo di tutti/e i/le precari/e con 3 anni di servizio presso le scuole di ogni ordine e grado.

Potrebbe interessarti:  Diplomi falsi per ottenere il posto, indagato Personale ATA

Prendere in mano il proprio destino

Se si è in possesso di un diploma magistrale e si tiene a mantenere il proprio lavoro è importante scrollarsi di dosso la pigrizia. Uscire dal torpore e cancellare la convinzione sbagliata che gli scioperi non servano a niente. Questo è un concetto che tutti gli interessati devono stamparsi bene nella mente perché nessuno ha veramente a cuore la loro condizione. Tutti i diplomati magistrali indistintamente il 23 febbraio devono scioperare.