FAQ - concorso docenti abilitati 2018
FAQ - concorso docenti abilitati 2018

Il MIUR, tramite il proprio sito ufficiale, ha reso note le FAQ riguardanti il concorso docenti abilitati 2018. (Vedi l’articolo sulle modalità di iscrizione). Il Ministero dell’Istruzione, infatti, ha predisposto un elenco di risposte, relative alla procedura di iscrizione. Queste, sulla base delle segnalazioni pervenute dai candidati.

Le prime FAQ

Innanzitutto, in merito al pagamento del diritto di segreteria di 5 euro. Il MIUR conferma che dovrà essere pagato un diritto di segreteria per ogni classe di concorso. Anche nel caso di ambiti verticali, si dovranno effettuare pagamenti per ogni classe di concorso. Esempio: se partecipo per l’AD02 (A-48/A-49) dovrò pagare un diritto di segreteria per ogni classe di concorso. Questa è una novità rispetto al concorso docenti 2016. In quel caso si pagava un’unica quota in caso di ambito verticale. Situazione diversa, invece, riguardo alla dichiarazione del titolo di abilitazione. Naturalmente, si potrà dichiarare un titolo abilitante per più classi di concorso, in riferimento agli ambiti.
TFA D.M. 249/2010 art. 3 comma 3 si riferisce, esclusivamente, alle abilitazioni nelle discipline artistiche, musicali e coreutiche.
Infine, riguardo al diritto al bonus di 19 punti previsto in Tabella, basta rifarsi al punto A.4 della Tabella della II fascia delle graduatorie d’istituto.

I titoli valutabili

Occorre precisare che, nel caso di abilitazioni con titoli congiunti, anche questi ultimi occorre averli conseguiti entro il 31 maggio 2017. È il caso di classi di concorso quali A-23, A-53, A-55, A-63 e A-64. I 5 punti previsti dal punto B.5.1. si riferiscono al superamento di concorsi precedenti di ogni ordine e grado. Quindi, vale anche il superamento di concorso per Infanzia, Primaria e/o posto Sostegno. Non è valutabile, invece, il conseguimento del titolo su sostegno Tfa III ciclo, ancora in fase di svolgimento. Questo titolo è valido solo ai fini della partecipazione al concorso con riserva, come previsto dall’art. 6 comma 3 del bando del concorso. Infine, riguardo le certificazioni linguistiche di livello almeno C1 può essere inserita più di una certificazione, purché sia di lingue differenti. Valgono le certificazioni di qualsiasi lingua straniera.

Potrebbe interessarti:  Concorso infanzia e primaria: le date di dicembre 2018 da segnare in calendario

I servizi valutabili

Il servizio aspecifico è valutabile, come previsto nella Tabella al punto D.1.2.. Di conseguenza, è valutabile anche il servizio svolto su scuola di Infanzia, Primaria e/o Personale Educativo. Inoltre, si possono inserire servizi su più classi di concorso svolti contemporaneamente. Naturalmente, i servizi valutabili devono raggiungere 180 giorni continuativi. Non sono cumulabili più contratti continuativi su scuole diverse. Gli unici contratti cumulativi riguardano un servizio fino ad avente diritto che viene trasformato in altro contratto (purché raggiunga i 180 giorni continuativi). Ultimo caso di servizio valutabile quello svolto dal 1 febbraio fino al termine delle operazioni di scrutinio. Assenza per malattia o congedo per maternità o parentale non interrompono il contratto.
Ultime precisazioni
Sarà compito, esclusivo, della Commissione del Concorso valutare i titoli dichiarati dai candidati, in base alla Tabella allegata al Bando. I titoli posseduti e dichiarati, che non sono valutabili, saranno semplicemente omessi dalla Commissione stessa. Non rappresenta falsa dichiarazione inserire nella domanda titoli posseduti. E’ consigliabile utilizzare la sezione delle NOTE nel caso di precisazione su titoli e/o servizi non inseribili nei campi previsti dalla domanda. Infine, riguardo alle nuove classi di concorso A-53, A-55, A-63 e A-64 i servizi svolti nelle classi di concorso A-31, A-32 ed ex A077 potranno essere dichiarati come servizio specifico nelle nuove classi di concorso. Sarà compito del candidato precisare nelle NOTE che quei servizi sono stati svolti su classi di concorso A-31, A-32 ed ex A077.