La partecipazione dei docenti di ruolo al concorso docenti abilitati 2018

La partecipazione al concorso docenti abilitati disposto dal decreto legislativo 59/2017 è aperta anche ai docenti di ruolo. Nel merito è intervenuta la Corte Costituzionale che ha dichiarato illegittima la loro esclusione. Concorreranno anche i soggetti che hanno ottenuto procedimenti cautelari di inserimenti con riserva nelle Gae. Essi saranno espunti da tali graduatorie, così come descritto nell’articolo 17 comma 5 del decreto legislativo 59/201, non appena verranno chiamati dalle formande GMR. Il timing per la presentazione delle domande resta fissato alle ore 23.59 del 22 marzo 2018.

Su quali classi di concorso/ tipologia di posto

I docenti di ruolo potranno partecipare al concorso alle stesse condizioni dei docenti abilitati. Potranno dunque fare domanda anche per la stessa classe di concorso o tipologia di posto sulla quale hanno attualmente la titolarità. Nessun divieto al riguardo è predisposto dal bando di concorso e dalla sentenza della Corte Costituzionale. Dopo lo svolgimento del colloquio orale saranno inseriti in due distinte GMR per specifica classe di concorso. Analogamente potranno partecipare i docenti titolari di sostegno per ottenere il trasferimento su posto comune indipendentemente dall’aver raggiunto o meno il quinto anno di vincolo di permanenza.

Potrebbe interessarti:  Scuola, Bussetti annuncia circolare: 'Docenti, meno compiti per le vacanze natalizie'

Quali servizi dichiarare

Si possono caricare tutti i servizi svolti in regime di contratto a tempo determinato. Non rientra nella loro valutazione il servizio svolto a tempo indeterminato, limitandosi la Corte Costituzionale a rilevare la mera illegittimità dell’esclusione della partecipazione al concorso, senza specificare null’altro in merito. Il punteggio finale nella GMR pertanto, nel caso in cui in una delle due classi di concorso si possedesse poco servizio, li rilegherebbe in coda. In conclusione va rilevato che la partecipazione al concorso riservato non inficia la possibilità di presentare la domanda di mobilità per l’a.s. 2018/19 per il trasferimento interprovinciale o per il passaggio di cattedra/ruolo.