Spunta un nuovo nome alla guida del Miur : Fabio Rampelli
Spunta un nuovo nome alla guida del Miur : Fabio Rampelli

Miur: in questi giorni d’attesa in vista del nuovo Governo, piovono i toto nomi di chi guiderà i vari Ministeri. Ma soprattutto, chi sarà il nuovo Ministro dell’Istruzione? Valeria Fedeli nel frattempo sta per fare le valigie e dichiara di portare con sé solo le foto scattate con gli studenti. Parole che sicuramente nascondono un velo di amarezza, non potendosi portar via gli sperati ma falliti frutti della “Buona” Scuola.

Fabio Rampelli spunta tra i successori papabili

Dopo i nomi di Giuliano del Movimento Cinque Stelle e del leghista Pittoni, avanza secondo indiscrezioni, anche il nome del deputato Fabio Rampelli, capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera. Se ciò fosse vero, si potrebbe insinuare il dubbio che il Movimento Cinque Stelle e la Lega siano interessati ad altri ministeri “pesanti”, e Fratelli d’Italia si sia fatto avanti alla guida del Miur. Si tratta solo di ipotesi, ma in rete il nome del parlamentare sembra essere apparso tra i papabili successori della Fedeli. Rampelli non vanta precedenti competenze o incarichi in ambito scolastico, ma si è più volte occupato di temi scolastici.

Rampelli dalla parte dei Diplomati Magistrali?

Il nome di Fabio Rampelli circola soprattutto nei gruppi dedicati ai Diplomati Magistrali. All’indomani della devastante pronuncia dell’Adunanza Plenaria, lo stesso aveva dichiarato:” la sentenza del Consiglio di Stato riunito in Plenaria lascia sconcertati e amareggiati. La giustizia perde un’occasione importante per ristabilire un diritto a lungo calpestato e che dalla stessa è stato avallato negli ultimi anni, per stabilizzare definitivamente tutti gli insegnanti diplomati magistrali, che da decenni lavorano nella scuola pubblica”. Parole queste che infondono speranza a questi docenti, che forse vedono in lui un possibile “salvatore” , o meglio, un possibile “risolutore” di questa loro lunga battaglia .

Potrebbe interessarti:  Ddl semplificazione: revisione organi collegiali, news 11/12