Concorsi scuola e FIT: come funzieranno?

I prossimi concorsi scuola (parliamo di scuola secondaria) dovranno superare un iter complesso, che prevede il parere del CSPI, del Consiglio di Stato e delle Commissioni parlamentari competenti. I tempi di approvazione, spiega la FLC CGIL, non saranno brevi, per cui si prevede che i bandi siano pubblicati verso al fine del 2018. I due concorsi previsti, in aggiunta a quello degli abilitati, sono quello ordinario e quello riservato ai docenti con almeno tre anni di servizio. Il nuovo percorso concorsuale deve dare una risposta tanto ai giovani laureati, quanto ai docenti precari che per molti anni hanno lavorato senza abilitazione e senza potersi abilitare.

Concorsi scuola, la scheda: come funzioneranno

I concorsi scuola sono banditi ogni 2 anni a livello nazionale, su base regionale (o interregionale nel caso di classi di concorso con un numero di posti molto esiguo). I posti disponibili verranno ripartiti tra le due diverse procedure concorsuali secondo quanto previsto nel DLsg 59/17: le percentuali sono state analizzate in una specifica scheda del sindacato. La gratuità del FIT è sicuramente un elemento positivo. Lo schema che segue, realizzato dalla FLC CGIL, sintetizza i principali contenuti della bozza di DPR sulle due procedure e quindi potrebbe subire modifiche durante l’iter di approvazione.

Loading...

(Fonte FLC CGIL)