Visita guidata, Catania: dimenticano alunno, denunciati gli insegnanti
Visita guidata, Catania: dimenticano alunno, denunciati gli insegnanti

Catania, 14/05/2018. Dopo il rientro da una visita guidata nella cittadina etnea, l’insegnante accompagnatore si accorge di aver dimenticano un alunno. Il ragazzo vaga per il Centro della città e viene trovato da un passante. Gli insegnanti vengono denunciati dai genitori per ‘abbandono di minori”.
Questa in breve è l’avventura occorsa ad un piccolo studente di 11 anni in gita a Catania. La vicenda si è consumata nell’angoscia e nella piena disperazione dei giovani studenti di una scolaresca dopo essersi accorti che durante il viaggio di ritorno il loro compagno non c’era.

Visita guidata a Catania: due insegnanti accompagnatori, adesso, rischiano una condanna per “Abbandono di Minori”

I fatti – Il ragazzo, dimenticato dai compagni di classe e dagli stessi accompagnatori, ha vagato per ore in pieno centro storico della cittadina etnea. Alla fine – così come raccontato in un articolo dell’edizione di Palermo di Repubblica – un passante si è accorto del ragazzo perché in lacrime e abbastanza preoccupato. Messosi subito in contatto con uno degli insegnanti che aveva accompagnato la scolaresca, quest’ultimo è ritornato in città per ‘recuperare’ il giovane discente disperso.
Giunti sul bus, durante il tragitto per il rientro a casa l’insegnante, pur rimproverando lo studente accusandolo di essersi allontanato volontariamente dal suo gruppo, ha cercato di convincerlo ad occultare l’incresciosa vicenda ai propri genitori.
Secondo il racconto fatto dall’11enne agli inquirenti, l’insegnante ha cercato astutamente di accordarsi con lui, imponendogli che quanto accaduto dovesse rimanere un ‘segreto’ tra loro. Insomma, guai a raccontare quanto successo perché se fosse venuto fuori il ‘fattaccio’, la colpa quasi sicuramente sarebbe ricaduta sul bambino stesso.
Ma così non è stato. Il giovane ragazzo, infatti, appena giunto a casa (ancora impaurito dalla brutta avventura) ha raccontato tutto ai propri genitori (con dovizia di particolari). Questi, hanno subito provveduto ad esporre regolare denuncia alla Polizia nei confronti degli insegnanti, rei di aver avuto un atteggiamento poco responsabile dell’incolumità del loro figlio e dell’intera scolaresca. Le indagini, tutt’ora in corso, hanno confermato tutti i dettagli raccontati lucidamente dal giovane protagonista.

Potrebbe interessarti:  ATA terza fascia: graduatorie truccate per favorire parenti

Mancata vigilanza, ecco qual è il reato (più diffuso) a cui vanno incontro gli insegnanti durante le gite scolastiche

I due insegnanti, denunciati alla Polizia di Stato, rischiano una condanna esemplare. Per questi eventi, infatti, qualsiasi scusa addotta a propria difesa non porta a nessuna assoluzione. In questo caso specifico il capo d’imputazione previsto per i due formatori è “abbandono di minori”. La mancata vigilanza è il reato più diffuso in questi casi e molti docenti, quando decidono di accompagnare le loro scolaresche, con incoscienza non sanno proprio a cosa vanno incontro.