NoiPa, comunicato ufficiale su data esigibilità arretrati incrementi stipendiali
NoiPa, comunicato ufficiale su data esigibilità arretrati incrementi stipendiali
Il portale della Pubblica Amministrazione, NoiPa, ha emesso poco fa un comunicato ufficiale attraverso il quale si rende nota la data di esigibilità degli arretrati derivanti dagli incrementi previsti dal rinnovo del CCNL per il triennio 2016/2018. Come senz’altro sarete a conoscenza, la questione arretrati è stata oggetto di molte polemiche in merito ai ritardi nell’erogazione degli emolumenti, soprattutto a causa della ratificazione effettiva del rinnovo contrattuale. Qui di seguito, Vi riportiamo il comunicato che è stato pubblicato anche sulla pagina Facebook ufficiale del Portale della Pubblica Amministrazione

NoiPa, ultime notizie: ecco la data di esigibilità degli arretrati derivanti dagli incrementi stipendiali determinati dal rinnovo del CCNL

‘Lunedì 28 maggio 2018 è la data di esigibilità per l’accreditamento degli arretrati derivanti dagli incrementi previsti dal nuovo Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (C.C.N.L.) del comparto Istruzione e Ricerca per il triennio 2016-2018.
L’effettiva disponibilità delle somme sui conti correnti può avvenire nell’arco dell’intera giornata, in relazione alle diverse modalità operative degli istituti bancari.’

Come Vi avevamo relazionato in precedenza, gli arretrati riguarderanno il periodo fino a maggio 2018. Quindi, rispetto alle tabelle che circolano, alcuni docenti potrebbero ricevere una cifra più alta, in quanto i calcoli di quelle tabelle si fermavano a marzo 2018. Invece, per i supplenti temporanei, bisognerà guardare alla situazione individuale. Gli arretrati potrebbero essere stati calcolati sulla base degli stipendi già emessi, mentre i prossimi stipendi dovrebbero essere calcolati con l’aumento contrattuale previsto. Potete consultare qui l’articolo precedentemente dedicato agli importi relativi agli arretrati stipendiali.

Potrebbe interessarti:  Contratto statali, di quanto aumenta lo stipendio della scuola? Le cifre