Scuola, choc a Taranto: docente picchiato dal padre di uno studente, ecco perché

Purtroppo, la scuola torna protagonista nelle prime pagine della cronaca. Questa volta, l’ennesima ed assurda vicenda è accaduta in Puglia, per la precisione, a Taranto e ha avuto come sfortunato protagonista un professore che insegna in una scuola media del rione Tamburi.

Il docente, come riportato dal giornale ‘Nuovo Quotidiano di Puglia’ è stato picchiato dal padre di uno studente. Il motivo? All’alunno era stata proposta la sospensione per 5 giorni.

Taranto, professore aggredito dal padre di uno studente

L’episodio è avvenuto qualche giorno fa ma la notizia è stata diffusa solo in data odierna. Il genitore si è presentato a scuola, chiedendo di poter avere un colloquio con il professore di suo figlio. Secondo quanto riportato dal quotidiano, il genitore ha contestato la sospensione del figlio al docente: poco dopo la situazione è degenerata e l’uomo ha finito con l’aggredire l’insegnante colpendolo con schiaffi e pugni.
Prontamente, alcuni collaboratori scolastici e altri professori sono intervenuti in difesa del malcapitato docente: solo di fronte all’evolversi della situazione, il genitore violento ha deciso di allontanarsi. Secondo quanto riportato dal giornale, sarebbe stata presentata una denuncia al comando dei carabinieri.
La sospensione proposta al ragazzo era stata motivata dal fatto che il giovane si era rivolto in modo minaccioso verso il docente che gli aveva intimato di smetterla di picchiare i suoi compagni. Ancora una volta un comportamento ribelle, con totale mancanza di rispetto nei confronti di un docente che, non bisogna dimenticarlo, all’interno delle aule scolastiche ricoprono il ruolo di pubblico ufficiale.

Potrebbe interessarti:  Docenti esiliati e immobilizzati, news 16/11: "Nessuna buona notizia"

L’art. 357 del Codice Penale dispone che “agli effetti della legge penale, sono pubblici ufficiali, coloro i quali esercitano una pubblica funzione legislativa, giudiziaria o amministrativa“.