Al Miur il preferito dai docenti è Pittoni: i risultati del sondaggio

Per la poltrona del Miur il profilo del candidato preferito dai docenti è quello di un politico con esperienza di scuola. In questo articolo avevamo proposto un sondaggio tra cinque candidati, quattro del M5S e uno per la Lega. I nomi proposti dai media in questi giorni sono quelli di Gianluca Vago, Vito Claudio Crimi, Michela Montevecchi, Salvatore Giuliano e Mario Pittoni. Ne è uscito vincitore il responsabile federale del settore istruzione della Lega Sen. Pittoni. I docenti non hanno dubbi che sia colui che debba prendere il posto della Fedeli al Miur.

Totale dei voti

L’infografica successiva illustra la distribuzione dei 361 voti espressi dai docenti. Su tutti spiccano le 279 preferenze per il senatore Pittoni che stacca nettamente tutti gli altri. Il preside di Brindisi Salvatore Giuliano è arrivato al secondo con 40 voti. A leggera distanza solo cinque lunghezze, c’è la senatrice Michela Montevecchi c’è la senatrice Michela Montevecchi con 35 preferenze. Chiudono la classifica Vago con 7 voti e il senatore Crimi con 4.

Potrebbe interessarti:  Diplomati magistrali, DMA: riapertura GaE atto di giustizia

Percentuali

Come si può vedere dall’ infografica che segue, le percentuali in favore del senatore Pittoni sono bulgare. Oltre il 77% dei docenti ha inteso premiare l’impegno profuso dal responsabile federale istruzione della Lega in favore dei precari. I consensi espressi per Giuliano hanno toccato al 11%, di poco rispetto al 9,7% di Michela Montevecchi. Seguono più staccati Gianluca Vago con il 2% e Vito Crimi con l’uno per cento. Nelle ultime ore però sembra che la candidatura di Michela Montevecchi stia tramontando in favore della Cultura. Ne parlavamo in questo nostro altro aggiornamento di poche ore fa.

Ultimi aggiornamenti

L’Istruzione andrà al M5S. Secondo il Messaggero, non ci sono speranze per la Lega di conquistare questo Ministero. Questa esigenza viene spiegata come bilanciamento alle designazioni di alcuni dei più importanti dicasteri degli uomini di Salvini. Il favorito resta Vincenzo Spadafora (anche se a riguardo emergono i primi malumori nel M5S), outsider possibili Michela Montevecchi e Filomena Maggino.