Governo: sorpresa per il Ministero dell'Istruzione
Governo: sorpresa per il Ministero dell'Istruzione
Il Ministero dell’Istruzione, contrariamente a quello che si poteva pensare, sarà un’esclusiva del Movimento 5 Stelle. Il nome uscirà senza ombra di dubbio tra quelli di diversi esponenti pentastellati. La Lega ha provato fino alla fine a dire la sua su questo importante Ministero ma i grillini si sono aggiudicati facilmente la partita. Ora non resta che attendere chi sarà il candidato prescelto. C’è un nome favorito su altri anche se ci potrebbe essere qualche sorpresa. Vediamo chi è colui che in questo fine settimana potrebbe essere designato Ministro e chi sono coloro che potrebbero invece sovvertire i pronostici.

I candidati a Ministro dell’Istruzione

Il nome più accreditato a diventare Ministro dell’Istruzione è senza dubbio quello di Vincenzo Spadafora. Non tutti all’interno del Movimento sono convinti che questa possa essere la scelta giusta. Per questo motivi è lecito parlare di altri candidati che avrebbero qualche chance di spuntarla. Si parla di Michela Montevecchi e Filomena Maggino. Per quanto riguarda colui che rimane comunque il favorito al Ministero, Vincenzo Spadafora, va ricordato  che è stato presidente dell’Unicef e Garante nazionale dell’Infanzia e adolescenza. Michela Montevecchi è una docente e si occupa per conto del Movimento di cultura e istruzione. Filomena Maggino insegna all’Università La Sapienza di Roma. Altro nome che potrebbe mettere d’accordo tutti è quello di Salvatore Giuliano, il preside era stato coinvolto da Di Maio nella squadra di governo prima delle elezioni. Il Presidente del Consiglio incaricato Giuseppe Conte continuerà comunque a lavorare sulla formazione di governo certo di trovare quanto prima la quadratura del cerchio. Il Premier dovrebbe prestare giuramento tra sabato e domenica. Il leader del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio ha comunque ribadito che la scelta finale sul nome dei Ministri spetta a Giuseppe Conte e a Sergio Mattarella.
 

Potrebbe interessarti:  Diplomi falsi per ottenere il posto, indagato Personale ATA