Esami di maturità: gli studenti si avvantaggiano grazie ai social
Esami di maturità: gli studenti si avvantaggiano grazie ai social

Rispetto a qualche generazione fa gli studenti hanno molti più strumenti comunicativi e di conoscenza. Magari non sempre sfruttati nel migliore dei modi ma comunque concorrono ad una soddisfazione maggiore delle loro curiosità. Tutto ciò che possa portare vantaggi viene scrutato e sperimentato. In questo contesto fondamentale è l’utilizzo e la presenza dei social network. Facebook fino a poco tempo fa era il re incontrastato adesso è stato affiancato da Instagram e Twitter. Con l’avvicinarsi dei prossimi esami di maturità sale anche la curiosità da parte degli studenti di capire chi sono e che volto hanno coloro che avranno l’onere di esercitare il ruolo di commissario esterno. Alcuni non se ne preoccuperanno altri invece cercheranno di saperne il più possibile. Ecco il ruolo fondamentale di un social network per reperire informazioni in merito.

Gli studenti e gli esami di maturità

Gli studenti che saranno chiamati ad effettuare gli esami di maturità cercheranno di studiare ‘l’avversario’ e di capire alcune cose fondamentali. Per molti, probabilmente, potrebbe essere interessante capire alcune caratteristiche dei commissari esterni, magari il grado di severità e se sono di ‘manica larga’ nei voti. Il ruolo dei social network come dicevamo diventa fondamentale  nello svolgimento dell’indagine. E’ la forma più diretta a disposizione dello studente. In altri tempi, privi di elevata tecnologia, si cercava qualche informazione ricorrendo al passaparola o magari cercando di carpire informazioni utili dai propri insegnanti. Gli studenti avranno quindi mezzi migliori e più efficaci per avvantaggiarsi un po. La farà comunque sempre da padrone lo studio e il grado di preparazione che ogni singolo studente avrà acquisito durante l’anno scolastico. La possibilità di arrivare a informazioni ritenute importanti tramite i social non potrebbe distogliere dallo studio?

Potrebbe interessarti:  Violenza nelle scuole della Sardegna: insegnante aggredita da alunni