Scuola: Cottarelli in stand by, gravi ripercussioni in arrivo?
Scuola: Cottarelli in stand by, gravi ripercussioni in arrivo?

Il Governo è fermo, così come il futuro della scuola. Le ultime news degne di nota sono quelle riguardanti l’incontro tra il Presidente del Consiglio incaricato Carlo Cottarelli e il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, avvenuto stamattina. Nessuna soluzione, nessun nuovo ministro. La fase politica italiana sembra avere incontrato una grave fase di stallo. Nessuno è in grado di prevedere se e quando sarà superata.

Scuola e Governo: il futuro prossimo è avvolto nel caos

Repubblica, in un suo recente articolo, ha fatto un po’ il punto della situazione sull’entourage di Carlo Cottarelli: ‘Durante l’attività del Presidente del Consiglio incaricato per la formazione del nuovo Governo sono emerse nuove possibilità per la nascita di un Governo politico. Questa circostanza, anche di fronte alle tensioni sui mercati, lo ha indotto – d’intesa con il Presidente della Repubblica – ad attendere gli eventuali sviluppi’.
Morale della favola? Anche riguardo le riforme sulla scuola e l’istruzione ci sarà ancora da aspettare. Nulla trapela circa una possibile riproposizione del Governo Lega-M5S. Un sogno, quello di Salvini e Di Maio, così vicino alla concretizzazione e terminato solo la scorsa domenica. Fatto sta che per il momento tutto è in stand by, tra cui importanti situazioni legate alla scuola, quali: i diplomati magistrale, il concorso DSGA, i nuovi concorsi per i laureati ed anche l’avvio del nuovo anno scolastico!

Potrebbe interessarti:  Diplomi falsi per ottenere il posto, indagato Personale ATA

Salvini e Di Maio: insieme contro il bullismo

Tra le riforme proposte da Lega e M5S c’era anche un punto riguardante il triste fenomeno del bullismo. I piani di Salvini e Di Maio erano ben chiari: inserimento di sanzioni amministrative nei regolamenti scolastici, videocamere negli istituti scolastici, borse di studio per gli studenti che denunciavano episodi di bullismo e la proposizione di un numero verde unico nazionale.
Piccola nota anche sul sostegno: secondo l’idea originale del Governo mai nato, sarebbe avvenuto un potenziamento dei docenti di tale categoria con tanto di specializzazione reale, per venire incontro agli alunni disabili nel migliore dei modi.