I Diplomati Magistrali incontrano Beppe Grillo
I Diplomati Magistrali incontrano Beppe Grillo

I Diplomati Magistrali, dopo lo sciopero della fame che va avanti ormai da 36 giorni, ci provano stavolta con Beppe Grillo, il quale cerca di non spegnere la loro speranza.

La paura del licenziamento

La paura che attanaglia i Diplomati Magistrali è quello di un licenziamento in conformità con la sentenza dell’Adunanza Plenaria di dicembre scorso. Senza ripercorrere tutta la vicenda ed entrare nel merito, ricordiamo che ciò comporterebbe con ogni probabilità delle forti ripercussioni sul mondo scolastico. E all’ex comico Beppe Grillo le maestre diplomate hanno chiesto, in occasione della festa Movimento Cinque Stelle tenutasi a Roma, proprio di non dar seguito a quella sentenza.

Le parole di Beppe Grillo

Il pentastellato Grillo si è fermato a scambiare qualche parola con le DM:” Non disperate, abbiamo buone persone al Governo”. Con queste parole l’ex comico ha voluto forse infondere qualche speranza di una risoluzione della loro situazione. In ogni caso non ha affrontato a fondo la questione,  né ha elencato soluzioni concrete, e ha solo aggiunto:” Sull’istruzione non si può giocare, c’è un analfabetismo che ritorna, la scuola va ripensata”. Prima di allontanarsi ha poi fatto un selfie con le stesse.

I Diplomati Magistrali nel contratto M5S-Lega

La cosa certa è che la questione dei Diplomati Magistrali verrà affrontata dal nuovo Governo. A garanzia di ciò basta leggere il contratto M5S-Lega, nel quale si legge testualmente:” Particolare attenzione dovrà essere posta al problema delle maestre diplomate”(oltre che a tutti i precari). Non si sa però ancora in che modo. Un concorso riservato? Una graduatoria a sé? Una riapertura delle Gae per tutti i Diplomati Magistrali? Non si conosce per ora la via che verrà intrapresa. Di sicuro però il nuovo Ministro dell’Istruzione Bussetti, dopo essersi probabilmente ritrovato (anche se forse non per sua volontà) a dover depennare alcuni DM, quando si trovava ai vertici dell’Usr Lombardia, si troverà nuovamente ad aver a che fare con loro.

Potrebbe interessarti:  Nuova plenaria per i diplomati magistrali