Viceministri e sottosegretari all'Istruzione probabili

La squadra che dovrà supportare il nuovo ministro dell’istruzione Marco Bussetti è in via di definizione. Da una rapida lettura della rassegna stampa dei principali quotidiani nazionali in edicola cominciano a trapelare le prime indiscrezioni. Da definire ci sono i ruoli di viceministro e sottosegretario, oltre a quelli dei capi gabinetto del dicastero di viale Trastevere. La cosa certa è che chi andrà ad occupare quelle caselle conosce già molto bene la situazione in cui si trova l’istruzione.

Pittoni

Un risiko complesso ma già con delle caselle ipotecate. È quello delle poltrone di sottogoverno (viceministri e sottosegretari, in molti casi strategiche oltre che ambite) da assegnare già nei prossimi giorni e delle presidenze delle commissioni parlamentari che dovranno essere assegnate dopo il via alla squadra di governo, scriveva un articolo pubblicato sabato scorso su Il Sole24Ore in cui si faceva il nome del responsabile federale istruzione della Lega, Sen. Mario Pittoni, come candidato ad una di queste poltrone. Il primo provvedimento da attuare sarà la rimodulazione del comma 131 del divieto di supplenze oltre i 36 mesi al quale il senatore della Lega stava già lavorando da diversi mesi. Di non minore impatto, per l’importanza che ha assunto la questione, anche quello relativo alla situazione dei diplomati magistrali.

Vacca e Montevecchi

La compagine che si occuperà della scuola verrà integrata con la componente pentastellata. I nomi che vengono fatti sono due vecchie conoscenze dei docenti in quanto sono già stati membri della VII Commissione Cultura nella passata legislatura. Secondo ADNKRONOS sono in crescita le quotazioni in casa 5 Stelle di Gianluca Vacca quale probabile viceministro dell’Istruzione. Quella del deputato abruzzese pentastellato sarebbe una new-entry al Ministero. Laureato in lettere moderne, dal 2004 Vacca è docente di lettere e latino nelle scuole secondarie (dal 2011 di ruolo nella scuola secondaria di I grado). Per la senatrice Michela Montevecchi, secondo la Repubblica, si va profilando il ruolo della presidenza della commissione Cultura. Laureata in Lingua e Letteratura Inglese, insegnante, interprete e traduttrice, nella 7ª Commissione permanente (Istruzione pubblica, beni culturali) è stata Segretario dal 7 maggio 2013 al 20 gennaio 2016 e Membro dal 21 gennaio 2016 al 22 marzo 2018.