Scuola, news 17/6: probabile DL urgente per modificare la Buona Scuola?
Scuola, news 17/6: probabile DL urgente per modificare la Buona Scuola?

Ultime notizie 17 giugno 2018, Scuola – Rimangono quasi meno di tre mesi dall’inizio del nuovo anno scolastico e alcune tematiche dovrebbero essere risolte al più presto. Prima tra tutte la tanto odiata ‘chiamata diretta’ da parte dei Dirigenti Scolastici.

Presto un Decreto Legge (d’urgenza) per modificare la Buona Scuola

Stamane, un interessante articolo su “La Tecnica della Scuola” a firma di Reginaldo Palermo tenta di delineare la strada che il nuovo governo vorrebbe intraprendere a proposito di alcune importanti questioni che interesseranno nei prossimi mesi il mondo della scuola. In particolare, si elencano le seguenti criticità da affrontare:
Chiamata diretta – A proposito dell’eliminazione definitiva di questa procedura tanto odiata dagli insegnanti e persino dagli stessi Presidi, l’autore dell’articolo, facendo espresso riferimento a fonti ministeriali, ipotizza la cancellazione totale della chiamata diretta attraverso un Decreto Legge d’urgenza, il quale dovrebbe essere approvato nel più tempo breve possibile.
Alternanza scuola lavoro – Un altro aspetto molto importante a cui il nuovo Governo, ed in particolare il nuovo Ministro, dovrà lavorare riguarderà senza dubbio quello dell’attività relativa all’alternanza scuola lavoro. Fermo restando l’obbligo della partecipazione da parte degli studenti, vengono ritenute molto probabili le indiscrezioni circa la volontà, dello stesso Ministro, di ridimensionare notevolmente il monte ore (400 ore), inizialmente previsto nei dettami della Buona Scuola.
Bonus al merito dei docenti – Ci sarebbe poi da dirimere anche la questione (molto discussa negli ultimi due anni) riguardante il cosiddetto ‘bonus premiale’ destinato ai docenti più meritevoli. Da questo punto di vista, già il contratto 2016/2018, attualmente in vigore, ha di fatto diminuito abbondantemente il budget inizialmente previsto nella Legge 107/15. Non solo, ma ha anche relegato le bassissime future risorse al FiS e alla contrattazione (riguardante i criteri per le attribuzioni ai docenti) tra i DS e le nuove RSU, recentemente insediatesi presso tutte le istituzioni scolastiche.
Diplomati magistrali – Ritornando a parlare del Decreto Legge d’urgenza, bisogna anche dire che lo stesso potrebbe riguardare (in questo caso è atteso da tanti) anche la questione dei Diplomati Magistrali. Tuttavia, le modalità, le procedure e i tempi che riguarderanno la stabilizzazione di questo esercito di lavoratori della scuola dell’infanzia e della primaria non sono ancora abbastanza delineate con chiarezza. Fonti molto vicine al dicastero di Viale Trastevere parlano della questione sui DM come una delle priorità riguardanti le misure a cui il Ministro sta lavorando alacremente in questi giorni.
Mobilità annuale – Per quanto concerne la trattativa sulla mobilità annuale, ovvero le utilizzazioni e le assegnazioni provvisorie tra il Miur e le sigle sindacali rappresentanti, si attende nelle prossime giornate un intervento diretto da parte del Ministro anche attraverso un avvio delle richieste avanzate nei mesi scorsi dagli stessi sindacati.

Potrebbe interessarti:  Iscrizioni scuola 2019/20 online e cartacee: la circolare Miur

Smentite le fake news sui Social Network: licei brevi, eliminazione dell’Invalsi e riduzione dei finanziamenti alle scuole paritarie

Infine, vengono ritenute inattendibili oltre che irrealizzabili alcune proposte che in questi mesi sono circolate sui maggiori Social Network (Facebook, Twitter, Google+, Instagram): tra queste, la fantomatica sospensione per ciò che attiene alla sperimentazione dei licei brevi (quadriennali), la definitiva eliminazione delle prove Invalsi e la drastica riduzione dei finanziamenti alle scuole paritarie. Tutto falso!
Fonte: La Tecnica della Scuola